MAGAZINE CUCINA – FINANZIERA ALLA CAVOUR

Il nome particolare di questo piatto nasce dal Ristorante Cambio di Torino, famoso locale esclusivo che già nel XIX secolo era frequentato dai personaggi dell’alta finanza e della politica del tempo. Il nome alla Cavour sembra dovuto al fatto che Camillo Benso, primo Presidente del Consiglio dell’Italia unita, apprezzasse particolarmente questa pietanza e se la faceva servire spesso al Ristorante Cambio. La finanziera alla Cavour è un insieme di profumi e di sapori delicati e inconfondibili, perfetti per un pranzo o una cena elegante o semplicemente in famiglia.

INGREDIENTI:

  • 200 grammi di carne tritata
  • 200 grammi di filoni
  • 200 grammi di cervella
  • 200 grammi di lacetto
  • 100 grammi di fegatini di pollo
  • 100 grammi di rognone
  • 100 grammi di fegato di maiale
  • 100 grammi di filetto di vitello
  • 50 grammi di piselli
  • 100 grammi di funghi porcini sotto olio
  • burro q.b.
  • brodo q.b.
  • farina di grano q.b.
  • un bicchiere di vino Barolo
  • un bicchiere di aceto
  • due cucchiai di Marsala

PREPARAZIONE:

Iniziate facendo rosolare nel burro, in un tegame grande, il filetto tagliato in piccole strisce legate a nodini e il rognone. Una volta raggiunta la rosolatura aggiungete un po’ di brodo, a parte fate cuocere singolarmente e infarinateli prima, la carne tritata, i filoni, la cervella, il lacetto, le creste di pollo, i fegatini di pollo, il fegato di maiale, un po’ di piselli e i funghi.

Piano piano, a che ogni ingrediente è cotto, mettetelo nel tegame dove si trovano già i rognoni e i nodini di filetto, che avete tenuto caldi, aggiungendo di tanto in tanto un po’ di Barolo.

Fate in modo che il sugo resti legato e, prima di servire, aggiungete una cucchiaiata di aceto e due cucchiai di Marsala.

Tenete a parte alcuni pezzi di cervella e filoni da aggiungere sul piatto come guarnizione prima di servire in tavola.

UN CAMION HA PERSO DEL CARICO SULLA STRADA PROVINCIALE 152 IN FRAZIONE MERELLA

A seguito dell’evento occorso in data di ieri sono state attivate le procedure di sicurezza da parte della Polizia Municipale che hanno portato alla chiusura della strada per consentire gli interventi di recupero del materiale sversato.

La Provincia, intervenuta per competenza sul tratto stradale interessato, avvalendosi della convenzione con la ditta “Sicurezza Ambiente” e della ditta da questa incaricata “Eco Gestioni” ha attivato il protocollo che prevede la chiusura del tratto viario per consentire la messa in sicurezza dei luoghi.

Al momento stanno proseguendo le operazioni di raccolta del materiale sversato adottando fin dal principio precauzionalmente, come da protocollo, l’organizzazione delle lavorazioni come se si fosse in presenza di materiali pericolosi.

L’intervento mira a rendere al più presto nuovamente disponibile la strada; solo a sede stradale sgombra sarà possibile valutarne le condizioni e procedere, qualora necessaria, alla bonifica del manto e del fosso laterale.

Il terreno sversato corrisponde a quello campionato e sottoposto a rapporto di prova n. 1001 del 2021 e consiste in materiale di scavo a granulometria finissima di colore grigio con frammenti litoidi con contenuto di amianto totale inferiore ai 120 mg/kg e pertanto sotto soglia.

Il materiale trasportato pertanto avrebbe potuto solo contenere eventuali quantità di amianto sotto la soglia di legge di 1000 mg/kg in quanto, per garantire invece la sicurezza durante il trasporto delle terre classificate come rifiuto speciale, e quindi contenenti amianto sopra la soglia di legge, le terre vengono messe in big bags (sacchi speciali chiusi ermeticamente) confezionati in un’area di cantiere dedicata per poi essere trasportati alla discarica di destinazione.

In ogni caso allo scopo di cautelare la popolazione sono stati comunque messi in atto monitoraggi dell’aria presso l’area di lavoro, presso i ricettori sensibili e l’area del parcheggio del supermercato benché distante dal punto di sversamento; si procederà con campionature sul luogo al fine di determinare con sicurezza l’assenza o meno di pericolo.

Alla luce di quanto avvenuto l’Amministrazione intende formalmente richiedere al COCIV di sensibilizzare le ditte affidatarie dei trasporti perché episodi come questo non si debbano più ripetere e invita a ragionare ulteriormente sulle modalità di trasporto al fine di verificare la possibilità di inserire delle procedure migliorative che evitino rischi e ricadute sulla percezione di pericolo della collettività.

SECONDO APPUNTAMENTO CON L’ALLENAMENTO DI CROSSFIT ALLA MARINA DI VARAZZE

Nella giornata di oggi, nell’accogliente scenario della Darsena della Marina di Varazze, dopo il successo del primo appuntamento di aprile, ritorna il cross fit a cura dell’Associazione CrossFit Varazze. Secondo allenamento all’aria aperta volto al corpo nella sua interezza, la filosofia del crossfit è che non esistono muscoli più sollecitati di altri durante gli esercizi perché tutto è pensato per poter dare a chi lo pratica una serie di esercizi equilibrati per allenare globalmente corpo e mente.

L’evento di oggi è aperto ai neofiti e agli atleti di altri box. Dopo l’allenamento tenuto nel mese scorso dal primo Box varazzese di CrossFit, la Direzione della Marina di Varazze ha detto: “Siamo partiti con un pieno di energia, grazie a CrossFit Varazze, che ci ha fatto conoscere un metodo di allenamento completo per sviluppare forza e potenza, ma anche equilibrio, agilità, coordinazione e velocità. Vi aspettiamo alle prossime classi prova all’aria aperta in piena sicurezza!”.

I prossimi eventi con il CrossFit saranno il 9 giugno, il 24 luglio e il 28 agosto sempre ovviamente alla Marina di Varazze. Per informazioni e prenotazioni si può telefonare al numero 340-6648169 o scrivere una mail a crossfitvarazze@gmail.com

DONATI DA GIAN LUCA FERRISE TRE DONI AL COMUNE DI ACQUI TERME

Si è svolta ieri ad Acqui Terme la cerimonia per la donazione di tre droni alla città, alla presenza del Sindaco, Lorenzo Lucchini, dell’assessore alla Protezione Civile, Gianni Rolando e del Comandante della Polizia Locale, Paola Cimmino.

I droni sono stati donati da Gian Luca Ferrise, volontario della Protezione Civile di Acqui Terme, alla memoria del padre, il Generale Antonio Ferrise, sotto l’egida del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, nella delegazione di Alessandria e Asti.

Alla cerimonia erano presenti la delegata dell’Ordine Costantiano, Dama Simona Delfino, il cappellano Don Augusto Piccoli e il parroco di Sezzadio, Castelnuovo Bormida e Rivalta Bormida, Don Eugenio Gioia, anch’egli membro dell’Ordine.

I droni sono due DJJ Mini 2 e un DJJ Phantom 3 che verranno utilizzati per le attività di Protezione Civile e di istituto, la donazione è comprensiva anche di un simulatore di droni da utilizzare con il computer per gli allievi piloti.

Questa cerimonia è un momento importante in quanto grazie alla generosità di un nostro concittadino stiamo promuovendo una svolta tecnologica per la risoluzione delle criticità – ha dichiarato il Sindaco di Acqui Terme, Lorenzo Lucchini – un drone è uno strumento all’avanguardia che consentirà alla Protezione Civile e alla Polizia Locale di monitorare il nostro territorio, ad esempio per controllare frane o incendi tra le zone più difficili da raggiungere, o per ricerche di persone disperse. Voglio ringraziare per questo prezioso dono Gian Luca Ferrise, persona che da sempre si è distinta per la sua attenzione e sensibilità nei confronti della città”.

LA PIEMONTESE ANDREAA MOGOS QUALIFICATA IN FIORETTO E SCIABOLA AI GIOCHI PARALIMPICI

A Tokyo per difendere (e magari migliorare) la medaglia conquistata a Rio. Andreea Mogos, atleta piemontese delle Fiamme Oro cresciuta schermisticamente nella società delle Lame Rotanti, ha centrato la qualificazione per i Giochi Paralimpici che si terranno in Giappone dal 24 agosto al 5 settembre.

Per Andreea Mogos, già bronzo nel fioretto a squadre a Rio 2016 e campionessa del mondo sempre nel fioretto a squadre e sempre in compagnia di Beatrice Vio e Loredana Trigilia a Roma 2017, si tratta dei secondi Giochi Paralimpici in carriera.

In mezzo cinque anni di risultati eccellenti tra Mondiali, Europei (argento individuale e oro a squadre a Terni nel 2018) e in Coppa del Mondo. A Tokyo parteciperà alle gare di fioretto e sciabola della sua categoria, la A.

IL CORTOMETRAGGIO OMERTA’ AL CONCORSO “CORPI” DI CIRCUITI DINAMICI

Importantissimo riconoscimento per l’artista Arianna Ilardi, il suo cortometraggio “Omertà” è stato infatti selezionato dalla prestigiosa Associazione Culturale “Circuiti Dinamici” di Milano, centro d’arte specializzato nelle arti moderne e figurative.

Arianna Ilardi ha partecipato al concorso “Corpi”, progetto il cui filo conduttore è il tema del corpo umano, contenitore di memorie, passioni e sofferenze, il corpo come soggetto narrante che racconta direttamente la realtà in cui vive e che assorbe i cambiamenti della società e dell’ambiente circostante, che vengono vissuti sulla propria pelle.

Il cortometraggio Omertà nasce nel 2014 e, proprio a causa della sua tematica molto profonda, ovvero e, soprattutto, al silenzio delle persone spesso in ambito familiare e lavorativo, il cortometraggio trova inizialmente delle grandi difficoltà. Tuttavia già nello stesso anno di produzione Omertà ottiene subito il terzo premio al Concorso Coreografico Bolzano Danza. Nel gennaio 2015 Arianna realizza il video presentato ad un concorso di Firenze in forma ballata e nell’estate dello stesso anno viene invitata alla Biennale di Genova.In pochissimi mesi Omertà sbarca all’estero, alla fine dell’estate Arianna Ilardi partecipa ad un bando gratuito a New York e il cortometraggio passa nella forma video, presentato ad ottobre negli Stati Uniti. Nel mese di gennaio è a Bogotà, in Colombia, con il video, questa volta molto più crudo, dal titolo “Naked Omertà”, che viene presentato esclusivamente in Sud America.

Dopo un lungo periodo di stop, in cui Arianna Ilardi si dedica a delle produzioni molto più complesse, tra cui “Fisica/Mente” per il Museo Galileo di Firenze e con “Aida”, entrambe del 2018,nel 2021 presenta nuovamente Omertà a Cambio d’Atto Contest, concorso contro la violenza di genere organizzato da Mondo Donna di Bologna, arrivando in finale. Ad aprile di quest’anno la rivista Antimafiaduemila ha dedicato un articolo al cortometraggio, il video, molto apprezzato, viene selezionato per Corpi, la cui premiazione finale sarà il 31 maggio.

Riguardo all’esperienza Arianna Ilardi dice: “Da notare che molte persone che hanno visto il video mi hanno chiamata per altri progetti. Capisco che il tema trattato sia molto duro, credo che per essere un primo lavoro esso sia molto interessante e – prosegue l’artista – questo lavoro si incrocia con Attrazione/Repulsione, brano completamente diverso, più sensuale, per il quale sono stata invitata subito alla Biennale di Roma, alla Galleria Mentana e Multiverso, entrambe di Firenze. Si preannuncia un periodo molto intenso, ma la potenza visiva di Omertà, a mio parere, sta solo in Omertà”.

COGOLETO CONSIGLIATO DALLA RIVISTA VOYAGER, “UN ANGOLO DELIZIOSO DI LIGURIA”

La prestigiosa rivista Voyager, che si occupa di viaggio e di scoperta di luoghi in Italia, in Europa e in giro per il mondo, ha segnalato Cogoleto, definito come “Un delizioso angolo di Liguria da conoscere”.

Nell’articolo online, che è strutturato come una sorta di “diario di viaggio”, il giornalista Giovanni Garavaglia spiega la sua spiccata predilezione per la cittadina di Cogoleto, in particolare per il suo Centro Storico, grazie alla tranquillità e al fatto di essere in mezzo alle più conosciute e frequentate Arenzano e Varazze. Cogoleto, spiega l’autore dell’articolo, ha la sua continuità tra mare e monti che viene interrotta solamente da alcuni insediamenti che, a differenza di altri luoghi della Riviera, non sono invasivi.

La rivista Voyager segnala poi la passeggiata lungo la costa che collega Cogoleto a Varazze, che, fino alla fine degli anni Settanta, era dove passava la ferrovia, oggi spostata verso l’interno e che è diventata una bellissima ciclopedonale che offre ai passanti panorama, natura e geomorfologia.

Il percorso della ciclopedonale viene poi citato da Voyager in quanto è un percorso adatto a tutti, chi fa jogging, i bambini, gli anziani, i ciclisti e tanti altri che vogliono fare due passi vicino al mare.

L’articolo passa poi all’entroterra di Cogoleto, dal campo da golf agli agriturismi, con il verde e l’odore delle piante tipiche della Macchia Mediterranea, ai piedi del Monte Beigua.

Conclusione poi nel Centro Storico, chiamato il Borgo antico, con i vicoli odorosi, le sue botteghe, le voci dei passanti e i sapori che arrivano dai ristoranti che propongono la tipica cucina ligure.

AL TEATRO IL SIPARIO STRAPPATO DI ARENZANO VA IN SCENA “TUTTE LE DIREZIONI”

Domani alle ore 19 e 30 secondo appuntamento con la stagione teatrale del Teatro Il Sipario Strappato di Arenzano, andrà in scena lo spettacolo “Tutte le direzioni”.

Lo spettacolo racconterà una serie di storie, accompagnate dalle canzoni, con tema l’automobile e il volante, attraverso una sorta di viaggio immaginario di sei persone, amici, sconosciuti, parenti e conoscenti attraverso le loro esperienze di viaggio in macchina.

Lo spettacolo è realizzato dalla Compagnia La Pozzanghera, con testo e regia di Lidia Giannuzzi, in scena sul palco ci saranno Domenico Baldini, Bruno Demartini, Roberta De Donatis, Francesco M.Giacobbe, Lorenzo Marmorato e Martina Pittaluga. Musiche a cura di Lorenzo Marmorato e Martina Pittaluga, scene e costumi di Lidia Giannuzzi.

Il biglietto è acquistabile online sul sito www.ilsipariostrappato.it ed è necessario consegnarlo in anticipo.

IL LICEO PEANO HA FESTEGGIATO L’EUROPA

Durante la mattinata di lunedì 10 maggio il Liceo Peano di Tortona si è collegato con il sito istituzionale Europascuola per festeggiare la Festa dell’Europa insieme alle scuole che si sono classificate ai primi posti al concorso “L’Europa che sogniamo”.

Protagonista è stata la classe 2A Scienze Umane che ha presentato il video “L’Europa dei Giovani”, coordinata dalla professoressa Simona Merlino.

“Siamo la squadra del Liceo Peano e per celebrare la Festa dell’Europa vorremmo spiegarvi come è nato il nostro video… Tutto è nato per caso! Nel mese di febbraio abbiamo iniziato a trattare l’argomento Unione Europea durante le nostre lezioni di Diritto e Economia e la nostra insegnante ci ha assegnato un compito dal titolo “L’Europa che vorrei”: si trattava di riflettere sul nostro ruolo all’interno dell’Unione Europea, indicando quali sono le nostre aspettative, i nostri sogni e i nostri bisogni di giovani cittadini europei. I nostri desideri di giovani cittadini europei sono diventati lo spunto da cui partire per realizzare il video.

Il titolo del video “L’Europa dei giovani” è proprio la sintesi dei nostri desideri ed è anche il nome dello stato unitario che noi sogniamo possa nascere in un prossimo futuro.

Ci siamo proiettati proprio nel futuro, nel 2039, nel momento in cui il notiziario di un’ipotetica Rete Peano Libera annuncia la nascita di questo nuovo stato e l’approvazione di una nuova Costituzione.

Proponiamo Ventotene come sede del Parlamento, perché è da questa isoletta italiana che tutto è nato: lì nel 1941 è stato gettato il seme dell’Unione Europea, il Manifesto di Ventotene.”

Nel video ogni rappresentante indossa una maglietta bianca per sottolineare il principio di uguaglianza, ma sulla maglietta sono state appuntate le diverse bandiere degli stati per mettere in evidenza che il nuovo stato si basa sulla multiculturalità

Il video si conclude con la Costituzione dell’Europa dei Giovani, che contiene questi importanti principi, sintesi dei nostri sogni:

Art.1 – Multiculturalità: la diversità unisce

Art.2 – La solidarietà e l’accoglienza: accogli e sarai accolto

Art.3 – Parità di genere: pari opportunità di realizzazione per tutti

Art.4 – Equità economico-sociale: stipendi uniformi e tasse eque per tutti

Art.5 – Rispetto dell’ambiente: l’Europa è la nostra casa

Art.6 – Sviluppo equo e sostenibile: giustizia e rispetto dell’ambiente sono due facce della stessa medaglia

Art.7 – Unica cittadinanza europea: una lingua, una moneta, stessi diritti per tutti i cittadini europei

Art.8 – L’Europa del futuro – Investire sui giovani: fondo giovani, scuole europee, scambi culturali

Art.9 – Un’Europa in movimento: lo sport unisce e fa crescere”

Isabella Solari – Alice Verna – Laura La Piana – Luca Lagalla – Camilla Bagnasco – Diana Kravets (2A Scienze Umane)

ESTATE BIMBI ALLA SCUDERIA MANEGGIO VALLE FERRI DI CAVATORE

La Scuderia Maneggio Valle Ferri di Cavatore inizia le sue attività estive, in particolare quelle dedicate ai più piccoli con l’evento Estate Bimbi all’Aperto.

Tra le colline di Cavatore, nel cuore della Val d’Orba, nei mesi di giugno, luglio e agosto ci saranno le tre giorni con il centro estivo di intrattenimento per bambini tra caprette, pony e ovviamente cavalli.

Le tre giorni si svolgeranno a giugno nelle giornate dal 16 al 18 e dal 23 al 25, a luglio nelle giornate dal 30/6 al 2, dal 14 al 16, dal 21 al 23 e dal 28 al 30, ad agosto dal 4 al 6, all’11 al 13, dal 18 al 20 e dal 25 al 27 sempre con orario dalle ore 8 e 30 alle ore 16 e 30.

Per tutte le informazioni e per prenotarsi si può contattare Francesca al numero 393-5681097.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: