IL SAVONESE DANIELE MASSOBRIO AI CAMPIONATI MONDIALI DI ENDURANCE

Negli Emirati Arabi a febbraio in binomio con la fidatissima Rachida del Mà

C’è un po’ di Liguria ai Campionati del Mondo Senior di Endurance che si terranno negli Emirati Arabi Uniti dal 20 al 26 febbraio con Daniele Massobrio dell’Adelasia Endurance Team di Cairo Montenotte.

In questi ultimi giorni sono state infatti diramate le convocazioni da parte della Federazione Italiana Sport Equestri per la Nazionale Italiana che prenderà parte ai Campionati Mondiali di Endurance che si terranno a Butheeb, negli Emirati Arabi Uniti, dal 20 al 26 febbraio. Daniele Massobrio parteciperà ai Campionati Mondiali in binomio con la sua fedelissima Rachida del Mà. Il cavaliere ligure è stato selezionato dalla Commissione Senior della FISE composta da Massimo Nova, Arnaldo Torre e Nicola Pilati.

L’endurance è una disciplina dell’equitazione molto diffusa, le cui competizioni consistono in corse di resistenza su percorsi di varia natura e un chilometraggio che varia dai 30 ai 160 chilometri a seconda delle categorie. I cavalli maggiormente utilizzati per l’endurance sono i cavalli Arabi, Sardi, Francesi o Spagnoli. L’edizione precedente dei Campionati del Mondo di Endurance si è tenuta proprio in Italia, a Pisa, nel maggio 2021 e ha visto la vittoria degli Emirati Arabi Uniti nella Categoria 160 km, con Salem Hamad Al Kitbi in binomio con Haleh, seguito dall’altro emiratino Mansour Saeed Al Faresi in binomio con Birmann Aya e terzo posto per il Cile con Boni Viada De Vivero in binomio con As Embrujo, il primo italiano Umberto Fava in binomio con Antar Jr. al sedicesimo posto. Facciamo i migliori auguri a Daniele Massobrio per un grande risultato che tenga alti i colori della Liguria e dell’Italia ai Campionati Mondiali!

MAGAZINE ZONA 30 – LA CITTA’ DELLE PERSONE

La nuova rubrica di Claudio Cheirasco sulla mobilità sostenibile

Vi presentiamo la nuova rubrica a cura di Claudio Cheirasco, corrispondente da Tortona e socio della FIAB Sezione Malabrocca, di cui abbiamo pubblicato poco tempo fa un articolo sulla federazione e le sue attività, dal titolo Zona 30 – La città delle persone, sul tema della mobilità sostenibile ed ecologica in un mondo sempre più attento all’ambiente e al benessere delle persone.

1 – La città delle persone

Buongiorno ai lettori di Limonte News,

innanzitutto ringrazio il Direttore responsabile Fabio Mazzari per l’opportunità che mi offre di poter scrivere una rubrica sui temi della mobilità sostenibile, argomento che ho molto a cuore.

Oggi sempre più città in Italia e nel mondo si stanno trasformando in “città 30”, vale a dire in città in cui la velocità (e gli spazi a disposizione) delle auto vengono progressivamente ridotti a favore delle persone. Ho voluto chiamare questa nuova rubrica “Zona 30, la città delle persone”, perché mi sembra che la sostenibilità della mobilità passi sempre di più attraverso la realizzazione delle cosiddette “Zone 30”.

Con i prossimi appuntamenti andremo a scoprire in che modo questo avviene e cosa comporta: solitamente, dopo un iniziale smarrimento, la città, o i quartieri, a 30 all’ora piacciono alle persone, non solo perché sono spazi in cui si ritrova il piacere di “vivere”, ma anche per un aspetto più materiale: gli immobili acquistano valore e le attività commerciali vedono incrementi non banali delle vendite. È normale che quei sindaci che hanno avuto il coraggio di fare questa scelta siano poi generalmente rieletti. Una volta che i cittadini provano cosa voglia dire vivere in una Zona 30 non vogliono più tornare indietro e sono riconoscenti con coloro che hanno saputo promuoverla e realizzarla.

Ma non parleremo solo di Zona 30 e di come le città si stiano trasformando, parleremo anche di sicurezza stradale in senso lato. La sicurezza dovrebbe essere, è giusto che sia, responsabilità di ogni utente della strada, anche al di là degli obblighi di legge. Non tutti però riescono ad avere percezione dei pericoli, che in molti casi vengono ignorati o sottovalutati, col risultato che in Italia ogni anno perdono la vita in incidenti stradali circa 3000 persone, quasi 10 ogni giorno. Un numero altissimo, che deve essere ridotto, e di molto. Con questa rubrica accenderemo il nostro faro nelle tenebre anche per quel che riguarda la sicurezza alla guida dei veicoli, andando a dare dimostrazione scientifica di come alcuni comportamenti siano oggettivamente pericolosi, anche se non sempre sono percepiti come tali.

Come terzo filone di argomenti, forse quello più atteso, andremo ad analizzare le soluzioni adottate da città e territori per promuovere la mobilità ciclistica. Non ci faremo quindi mancare qualche gita virtuale lungo le ciclabili più belle, vicine e distanti da noi.

Infine mi piacerebbe parlare delle esperienze di chi ha sentito la necessità o ha avuto il coraggio di imbracciare una bicicletta e sostituirla, almeno in parte, all’automobile. A tal fine invito tutti coloro che vogliano raccontare la loro esperienza a mettersi in contatto con me, sarò ben lieto di raccontarla ai lettori di “Zona 30”.

A presto.

Claudio Cheirasco

I RACCONTI DI MARINA SALUCCI – AVONEG

Un racconto che ci parla di chi arriva in città pieno di speranze per il futuro

Un nuovo appuntamento con i sempre apprezzatissimi racconti di Marina Salucci che questa volta ci propone Avoneg, un testo che a partire dal nome, che è quello di Genova al contrario, racconta le esperienze di una persona che arriva in città con tante speranze, che spesso vengono deluse.

AVONEG

Ad Avoneg si arriva dal mare.

Un golfo azzurro ti dà il benvenuto con un porto vociante e placido, e la città si spalanca, alta sulle colline, planando sull’acqua che tutta la riflette.

L’uomo arrivò un mattino. Il cielo era di vetro e i palazzi alti tremolavano nel mare e poi si ergevano a conficcarsi nel sole caldo. Subito cercò il cuore di Avoneg, quello che si narrava fondere genti diverse in un unico respiro, e merci e voci e fiori, colori, sorrisi. Ma trovò solo cunicoli bui, dove il sole spariva, e occhi tetri e pieni di disprezzo o di paura.

Questa è Avoneg?, si chiese con il respiro rotto dal dolore.

Questa è Avoneg?, chiese a un passante che continuò per la sua strada.

Decise di andarsene, ma trovò inferriate alte e nere che gli sbarravano la via. Si mise a correre, e le inferriate correvano più di lui, avanti e sempre avanti e la loro punta acuminata era minacciosa.

Il viandante correva e piangeva. Poi sentì un rumore, forse un battito d’ali, e guardò in alto. Ecco le alte torri slanciate bagnate di sole, le stesse che al suo arrivo lo avevano allettato con promesse.

Ora ho capito: devo soltanto tornare indietro. Avoneg altro non è che parvenza, il fantasma di se stessa, promessa di ciò che non c’è.

Ripercorse i suoi passi, con calma, senza paura.

In porto c’erano molte navi.

Ne scelse una: e non tornò mai più.

RITORNA IL CARNEVALE DI NOLI CON SFILATE E DIVERTIMENTO

Ci sarà anche la consegna delle Chiavi della Città alla maschera tradizionale Marinin

Il mese di febbraio è il mese del Carnevale e sono tantissimi gli appuntamenti sul territorio, domenica 19 a Noli sarà una giornata di festa con il Carnevale Nolese 2023 organizzato dalla Pro Loco Noli con il patrocinio ufficiale del Comune di Noli.

Il programma del Carnevale Nolese 2023 prenderà il via alle ore 14 e 30 nella centrale Piazza Aldo Moro dove partirà la sfilata dei carri allegorici che attraverserà il borgo antico di Noli, l’antica Repubblica Marinara. Alle ore 15, presso la Piazza del Comune, ci sarà la tradizionale cerimonia della consegna delle Chiavi della Città alla maschera cittadina Marinin, infine, alle ore 16, il corteo arriverà in Piazza Chiappella per la grande Festa di Carnevale con pentolacce, musica, danze e una golosa merenda per tutti per finire la giornata in bellezza. Gli organizzatori ricordano a tutti i partecipanti che, nel corso dello svolgimento dell’evento, saranno effettuate degli scatti fotografici e delle riprese video.

Il Carnevale di Noli è inserito inoltre all’interno del programma del Carnevale del Golfo dell’Isola, organizzato dalla Pro Loco Bergeggi, dalla Pro Loco di Noli, dalla Pro Loco Spotorno e dalla Pro Loco Vezzi Portio che coinvolgerà tutti e quattro i Comuni con le feste di Carnevale, sabato 11 febbraio a Spotorno, sabato 18 febbraio a Bergeggi, domenica 19 febbraio appunto a Noli e infine sabato 25 febbraio a Vezzi Portio, di cui daremo per tutte ampio spazio. Per tutte le informazioni e i dettagli si può visitare il sito ufficiale www.ilgolfodellisola.it

A CELLE LIGURE SI INAUGURA L’ARTE SCONOSCIUTA… I DIPINTI SULL’ACQUA

La mostra dell’artista Laura Tarabocchia presso la Nuova Sala Espositiva Pietro Costa

Sabato 4 febbraio si inaugura presso la Nuova Sala Espositiva della Biblioteca Comunale Piero Costa di Celle Ligure la mostra dal titolo L’arte sconosciuta… i dipinti sull’acqua, mostra d’arte con dimostrazione dal vivo a cura dell’artista Laura Tarabocchia.

L’inaugurazione ufficiale della mostra si terrà a partire dalle ore 16 con ingresso libero, Laura Tarabocchia ha partecipato a numerosi concorsi d’arte, vincendone alcuni e venendo segnalata in diversi di essi, ha al suo attivo innumerevoli scritti e interviste sia su riviste d’arte che su quotidiani o televisioni locali, grazie alla sua particolare tecnica dei dipinti sull’acqua.

Nel corso degli anni Laura Tarabocchia ha partecipato al programma Italia’s got talent su Canale 5 e si è esibita sul palcoscenico del Teatro Chiabrera di Savona in occasione del Premio Nazionale Voci nell’Ombra dove, in diretta, dipingeva il premio per i migliori doppiatori italiani. Nel corso della sua carriera ha realizzato performance pittoriche e interviste per quotidiani, riviste e televisioni locali in svariati eventi e occasioni. La mostra sarà visitabile tutti i giorni fino a domenica 12 febbraio con ingresso libero, per tutte le informazioni si può contattare il numero 328-9455175.

NELLA CHIESA DI SAN DOMENICO A VARAZZE E’ STATO FESTEGGIATO SAN TOMMASO D’ACQUINO

Il padre della Summa Theologiae che fu amico del Beato Jacopo da Varagine celebrato da Don Claudio Doglio

Venerdì pomeriggio nella Chiesa Conventuale di San Domenica a Varazze è stato solennemente ricordato, nel giorno della sua festa liturgica, San Tommaso d’Acquino, Dottore della Chiesa.

La celebrazione ha visto la Santa Messa celebrata dal Parroco della Collegiata di Sant’Ambrogio, Don Claudio Doglio, che è stato introdotto dal Priore di San Domenico, Padre Daniele Mazzoleni con la collaborazione di Padre Marco Rainini. Il pensiero dell’autore della Summa Tehologiae, uno dei pilastri del Cristianesimo, che conobbe e stimò il Beato Jacopo da Varagine, è stato illustrato dettagliatamente da Don Claudio Doglio, teologo di chiara fama, che ha ricordato, al di la degli innumerevoli meriti acquisiti nel campo culturale religioso, il suo reiterato silenzio, impostosi dopo una visione nel quale Cristo gli aveva fatto capire che era la parola, il colloquio intimo con Dio, nel silenzio della preghiera, la cosa più importante per il credente.

Una lezione di umiltà e di ricerca di empatia con il Creatore, che Don Claudio Doglio ha offerto ai fedeli come motivo di meditazione, aggiungendo anche una preziosa pillola di acculturamento religioso per tutti. L’occasione della funzione ha inoltre permesso ai partecipanti di ammirare, nella Sala Capitolare di Santa Caterina, la nuova statua della Madonna del Santo Rosario, copia di quella esistente nella basilica di San Pietro a Roma, che per la sua particolare realizzazione in una materia più leggera, sarà portata nella Processione annuale della prima domenica di ottobre.

PRENDE IL VIA AD OVADA UN CICLO DI INCONTRI SUL MONDO DELL’OLIO

Organizzato dalla Sezione di Alessandria dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino presso l’Enoteca Regionale di Ovada

Dal 14 febbraio fino all’8 marzo prenderà il via presso l’Enoteca Regionale di Ovada la prima edizione di NonsoloVino – Modulo Olio, una serie di incontri e lezioni sul tema dell’olio extravergine di oliva organizzati dalla Sezione di Alessandria dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino.

Nel corso degli incontri si parlerà del mondo dell’olio, dai principi di coltivazione a quelli della molitura attraverso la storia di questo alimento, re indiscusso della nostra alimentazione, si parlerà dei diversi territori di produzione, le diverse cultivar e i processi di produzione per un percorso nei segreti di uno dei prodotti alimentari vanto del nostro paese. Il ciclo di incontri, che prenderà il via martedì 14 febbraio alle ore 20 e 30 presso la sede dell’Enoteca Regionale di Ovada, sarà suddiviso in quattro lezioni della durata di circa tre ore l’una comprensive di assaggio, con la bellezza di diciotto tipologie di olio in assaggio tecnico, quattro lezioni teorico-pratiche e diciotto assaggi di olio di cui sei di oliva e dodici extravergine.

La quota di partecipazione al corso è di 250 Euro a cui va aggiunta la quota associativa dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino, per chi non è ancora socio, pari a 70 Euro annuali, ridotta a 40 Euro annuali per i soci Junior. La quota associativa è valida per l’anno corrente e chi è già socio deve essere in regola con i rinnovi annuali. I relatori del corso saranno Francesco Siri e Silvia Foitanini, esperti assaggiatori di olio iscritti nell’Elenco Nazionale, al termine del corso sarà rilasciato un Attestato di Partecipazione. Chi si iscriverà entro il 31 gennaio, pagando in un’unica soluzione con pagamento online riceverà uno sconto di 50 Euro sul costo del corso.

LA STAZIONE DI ACQUI TERME SI RIFA’ IL LOOK

Importante opera di restyling in sinergia tra il Comune e Rete Ferroviaria Italiana

La Stazione di Acqui Terme si rifà il look, con una serie di interventi realizzati in sinergia tra il Comune di Acqui Terme e la Rete Ferroviaria Italiana che riguarderanno l’intera struttura dai sottopassi ai binari fino al rifacimento della piazza e dell’illuminazione.

I lavori costeranno circa due milioni e cinquecentomila Euro, come ha spiegato il Comune di Acqui Terme è un progetto molto importante che permetterà di riqualificare una parte della città che ha bisogno di attenzioni. Il progetto del restyling della Stazione Ferroviaria era nato nel 2019, con l’annuncio da parte di Rete Ferroviaria Italiana di rifare il look alla stazione acquese investendo una somma di cinque milioni di Euro, tuttavia il progetto cadde nel nulla al punto che vi fu anche un’interrogazione parlamentare in merito.

Adesso finalmente, dopo un’attesa durata quasi quattro anni, il rifacimento della Stazione Ferroviaria prenderà il via grazie ai fondi del Pnrr, l’idea del Comune di Acqui Terme e di Rete Ferroviaria Italiana è quella di procedere con il rifacimento della pavimentazione esterna e dei marciapiedi interni, realizzando così un nuovo sottopasso ferroviario e recuperando quello già esistente, dopo sarà recuperata anche la foresteria i cui spazi saranno riutilizzati a servizio della cittadinanza mentre non è chiaro se ci sarà posto per la fontana che attualmente è collocata a lato della piazza.

UNA GRANDE FESTA AD ALESSANDRIA PER IL DICIASSETTESIMO CARNEVALE DEL CRISTO

Un programma molto ricco, dalla sfilata dei carri alla serata anni ’60 con il noto cantante Gian Pieretti, dal ballo in maschera allo spettacolo Supermegagica

Domenica 19 febbraio sarà una giornata di grande festa al Quartiere Cristo di Alessandria dove, dopo due anni di stop, ritorna il Carnevale di Alessandria con un programma molto ricco e adatto a tutte le età.

Il Carnevale Alessandrino prenderà il via domenica 19 febbraio alle ore 14 e 30 con la sfilata dei carri allegorici in Corso Acqui, per raggiungere la grande festa nella centrale Piazza Ceriana dove per l’occasione ci saranno i negozi aperti con le vetrine a tema carnevalesco. Il ritrovo dei carri e dei gruppi sarà alle ore 14 presso il Centro Don Bosco, da dove partirà la grande sfilata con la Banda Musicale Solia di Cassine, anche i bambini in maschera si ritroveranno al Centro Don Bosco. Il Carnevale del Quartiere Cristo di Alessandria è giunto alla sua diciassettesima edizione e, come hanno spiegato gli organizzatori, sarà un evento molto sentito in tutta la città che unisce scuole, parrocchie, associazioni e attività commerciali. In Piazza Ceriana ci saranno giochi, bancarelle, gonfiabili per i più piccoli e molto altro ancora, con l’animazione realizzata dai ragazzi di 100Animazione.

Il Carnevale del Cristo di Alessandria sarà anticipato sabato 18 febbraio alle ore 19 e 30 presso il Centro Incontro Cristo dove si terrà l’apericena dell’Amore Mascherato con un menù molto ricco e si ballerà con i solisti dell’Orchestra del Cuore. La seconda proposta sarà la Cena di Carnevale presso la SOMS del Cristo dove, a partire dalle ore 20, si ritornerà negli indimenticabili anni Sessanta con il cantante Gian Pieretti, autore e interprete di canzoni di grande successo come “Pietre” che conquistò l’hit parade nel 1967 e “Il vento dell’est” che sarà accompagnato alla chitarra da Claudio Damiani, dopo il concerto ci sarà il ballo in maschera con Stefano Venneri e Ferruccio.

Infine martedì 21 febbraio ci sarà un grande evento per bambini e ragazzi dove, a partire dalle ore 14 e 30 presso il Centrogrigio si terrà Supermegagica, un evento di magia e prestigio per bambini e ragazzi dai cinque ai quindici anni con giochi, scherzi e balli a cura di 100Animazione, al termine saranno premiate le maschere più originali. La prenotazione è obbligatoria contattando il numero 379-2288468 oppure di persona presso il Ristorante Centrogrigio.

GAVI REALIZZERA’ IL NUOVO PONTE SUL TORRENTE LEMME

Grazie ai fondi stanziati per le opere compensative del Terzo Valico Ferroviario

Il Terzo Valico Ferroviario ha causato una serie di disagi per il territorio coinvolto ma anche opere compensative e fondi, che permetteranno di realizzare delle opere attese da molti anni dalla cittadinanza come il Ponte sul Torrente Lemme a Gavi.

Il nuovo ponte sul Torrente Lemme sarà costruito dove attualmente si trova il guado nei pressi di Gavi. La costruzione sarà realizzata grazie ai fondi stanziati per le opere compensative del Terzo Valico Ferroviario. Otto dei dieci Comuni coinvolti hanno deciso di rinunciare alla propria quota per lasciarli al Comune di Gavi, che potrà così realizzare un’opera attesa da molto tempo. Solamente i Comuni di Voltaggio e Vignole Borbera non hanno rinunciato alla propria quota.

L’Amministrazione Comunale di Gavi, guidata dal Sindaco Carlo Massa, avrà così a disposizione la somma di tre milioni e cinquecentomila Euro, frutto della somma tra quelli appena ricevuti e quelli già precedentemente stanziati per le opere compensative del Terzo Valico Ferroviario. Il Sindaco Carlo Massa ha spiegato che l’opera è fondamentale per tutta la Val Lemme, in quanto sarà in grado di migliorare la viabilità della Strada Provinciale 160 della Bocchetta e la Strada Provincia 170 per Bosio, che saranno più sicure dell’attuale guado.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: