C’era una volta il calderaio (o magnan)

Nella quiete del borgo di un tempo, rotta solo dal vociare degli abitanti e dal rumore meccanico di qualche rara automobile di passaggio sulla strada principale, si levava a volte nella contrada il grido di “Magnan, Magnan”. Questa chiamata significava la presenza di un artigiano ambulante addetto alla manutenzione di pentole, secchi, paioli, ramaioli, casseruoleContinua a leggere “C’era una volta il calderaio (o magnan)”

Pagine di storia locale – Il respiro del borgo

Mentre i ricordi del passato dialogano con le sensazioni del presente, il borgo respira con vecchie pagine di storia portate dal vento, richiamando alla mente cose vedute o apprese, profumi e odori inalati, segni di passata presenza umana. Si può ascoltare il respiro del vento che si infila nella loggia e conquista le fila deiContinua a leggere “Pagine di storia locale – Il respiro del borgo”