Il raduno dei marinai e dei pescatori al Santuario di N.S. della Guardia di Varazze

La scorsa domenica l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Varazze ed una rappresentanza dei pescatori locali si sono recati sul Monte Grosso per rendere omaggio a Nostra Signora della Guardia.

Il Gruppo ANMI di Varazze insieme alla rappresentanza dei pescatori hanno rinnovato l’appuntamento annuale con il Santuario, ritrovandosi nella chiesetta molto cara alla cittadinanza varazzina per una giornata che sarà dedicata quest’anno alla vicina edicola votiva che ricorda il centenario dalla fine della I Guerra Mondiale.

«Pur con le condizioni meteo sfavorevoli, la sapiente organizzazione dell’esperto amico Lino, custode e manutentore insostituibile della struttura, – hanno dichiarato i responsabili ANMI – ha permesso a tutti di godere di una giornata speciale nel tepore dell’adiacente rifugio

Varazze.2019.il-Gruppo-ANMI-Varazze-al-Santuario-N.S.della-Guardia

Milena Perduca (Liceo Peano) vincitrice del Concorso Letterario AMMI

Il 17 maggio scorso si è tenuta nella chiesa di Santa Maria degli Angeli a Roma la cerimonia di premiazione della XII edizione del concorso letterario promosso dall’associazione AMMI, che ha visto studenti di tutta Italia cimentarsi nella stesura di un elaborato sul tema dell’amicizia ai tempi dei social network.

Prima classificata al concorso è stata Milena Perduca, studentessa della 3B scientifico del Liceo Peano. Presente alla premiazione, Milena ha fatto lettura pubblica del proprio testo, ritenuto dalla commissione “una raffinata e colta dissertazione sul concetto di amicizia, scevra da stereotipi e banalità, valorizzata da una pregevole padronanza del linguaggio personale”.

Alla giovane scrittrice le nostre più sincere congratulazioni!

IMG-20190521-WA0008

Giro d’Italia 13°tappa – Zakarin… Gran Paradiso!

Il russo rimane con Nieve, secondo, negli ultimi km della salita finale e si impone in solitaria sul traguardo di Ceresole Reale (Lago Serrù) posto all’interno del Parco Nazionale Gran Paradiso. La corsa è stata caratterizzata da una fuga da lontano con anche Mollema (ora quarto in Generale) e Ciccone, nuova Maglia Azzurra. Landa attacca nel gruppo dei migliori sull’ultima salita, guadagnando sui rivali. Polanc soffre ma difende la Rosa. Sivakov nuova Maglia Bianca.


Ceresole Reale, 24 maggio 2019 – Ilnur Zakarin (Team Katusha-Alpecin) ha conquistato un successo in solitaria a Ceresole Reale nel Parco Nazionale Gran Paradiso. Il russo che faceva parte della fuga di giornata ha attaccato a 5 km dalla fine per poi staccare Mikel Nieve (Mitchelton-Scott) ai -2. Mikel Landa (Movistar Team) ha completato il podio, dopo essere uscito con un attacco dal gruppo dei favoriti sull’ultima salita. Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) è arrivato insieme a Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) a 2’57” ed è rimasto secondo in Classifica Generale, dietro a Jan Polanc (UAE Team Emirates) che ha difeso la Maglia Rosa, mentre Zakarin è adesso terzo. Simon Yates (Mitchelton – Scott) ha chiuso a 5′ dal vincitore.

LE PILLOLE STATISTICHE

  • Seconda vittoria in carriera al Giro d’Italia per Ilnur Zakarin dopo la tappa numero 11 a Imola nel 2015. Ha vinto anche una tappa di montagna al Tour de France a Finhaut-Emosson, con il traguardo posto in prossimità di una diga proprio come il Lago Serrù a Ceresole Reale. È la sua settima top 3 in una tappa del Giro, tre secondi posti nel 2017 e due terzi posti nel 2016.

  • È il 27esimo successo di tappa al Giro per i corridori russi, una vittoria in meno di Paesi Bassi, Regno Unito e Colombia. Altri tre russi hanno conquistato tappe di montagna al Giro: Egveni Berzin (Campitello Matese nel 1994), Pavel Tonkov (4 vittorie) e Denis Menchov (Alpe di Siusi nel 2009).

  • Settima Maglia Rosa per gli sloveni al Giro 2019 (Roglic e Polanc), una in più degli italiani (Conti).

RISULTATO FINALE
1 – Ilnur Zakarin (Team Katusha Alpecin) – 196 km in 5h34’40””, media 35,139km/h km/h
2 – Mikel Nieve Iturralde (Mitchelton – Scott) a 35″
3 – Mikel Landa Meana (Movistar Team) a 1’20”

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da EnelJan Polanc (UAE Team Emirates)

  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da SegafredoArnaud Demare (Groupama – FDJ)

  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca MediolanumGiulio Ciccone (Trek – Segafredo)

  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da EurospinPavel Sivakov (Team INEOS)

CLASSIFICA GENERALE
1 – Jan Polanc (UAE Team Emirates)
2 – Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma) a 2’25”
3 – Ilnur Zakarin (Team Katusha Alpecin) a 2’56”
4 – Bauke Mollema (Trek – Segafredo) a 3’06”
5 – Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) a 4’09”
6 – Richard Carapaz (Movistar Team) a 4’22”
7 – Rafal Majka (Bora – Hansgrohe) a 4’28”
8 – Mikel Landa Meana (Movistar Team) a 5’08”
9 – Pavel Sivakov (Team INEOS) a 7’13”
10 – Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team) a 7’48”

CONFERENZA STAMPA
Il vincitore di tappa 
Ilnur Zakarin ha dichiarato: “Non avevo un piano preciso per provare a vincere questa tappa. Sono andato in fuga con l’obiettivo di recuperare un po’ di tempo per la Classifica Generale. Questo successo è un po’ una sorpresa. Ho affrontato l’ultima salita con tutta l’energia che mi era rimasta. Sono contento della mia prova e di aver conquistato questa frazione. Roglic va davvero forte; per me è il favorito numero uno. Comunque proverò nei prossimi giorni a prendere la Maglia”.

La Maglia Rosa Jan Polanc ha dichiarato: “Sapevo che non sarei stato in grado di tenere le ruote dei migliori  fino al traguardo. Mi aspettavo una tappa difficile ma non così dura come si è poi rivelata. Sono felice di essere riuscito a mantenere il comando della Generale per un altro giorno. Non credo che potrò tenere la Maglia Rosa fino a Verona ma vedremo giorno dopo giorno. Già domani ci aspetta una tappa senza un metro di pianura”.

LA TAPPA DI OGGI
Tappa 14 – Saint-Vincent-Courmayeur (Skyway Monte Bianco) 131 km – dislivello 4.000 m
Tappone alpino corto e molto intenso. Su 131 km di tappa solo 14 km (attorno Aosta) sono pianeggianti, il resto è o in salita o in discesa. Si scala il GPM di Verrayes, in seguito si attraversa Aosta e quindi si scalano in sequenza Verrogne (15 km salita e 15 km discesa), appena dopo la salita di Combes fino al bivio per Arvier (Truc d’Arbe), poi si sale a Morgex per strade a mezza costa e panoramiche per scalare il Colle San Carlo la cui picchiata porta a La Thuile e Pré-Saint-Didier dove attraverso la strada vecchia si arriva a Courmayeur.


Ultimi km
Ultimi 8 km in salita con i primi 3 attorno al 6% seguiti dai successivi 5 km tra il 2 e il 3% fino all’arrivo. Da segnalare una doppia curva stretta a destra che immette nel rettilineo che costituisce sostanzialmente l’ultimo km.

Lievito, acrobazia e… un po’ di magia ad Arquata Scrivia

Il comune di Arquata Scrivia, in collaborazione con gli esercenti, nell’ottica di promuovere il cibo di qualità, ha organizzato, martedì 11 giugno, l’evento “Arquata a tutta pizza! Lievito, acrobazia e un po’ di magia “.

Essendo la pizza il cibo che rappresenta l’Italia nel mondo, tutti gli esercenti arquatesi offriranno l’opportunità di festeggiare l’estate in allegria. Il programma è una vera novità, saranno interessate Via Libarna e Piazza della Libertà, non solo con tante diverse pizze, ma con pizzaioli acrobatici, laboratori acqua e farina e tanto altro. Dalle ore 18:00 “Forni in funzione”.

Domenica 2 giugno invece, dalle ore 8:00 alle ore 19:00 saranno presenti a Arquata in Via Libarna “Gli Ambulanti di Forte dei Marmi” con i loro migliori banchi di abbigliamento, borse, scarpe, cashmere, biancheria, bijoux e arte fiorentina in genere. Vere boutique a cielo aperto!

IMG_3713

La Carrozzeria Ferrari di Novi Ligure

Cinquantacinque anni di attività da sempre contraddistinti dalla competenza e dalla professionalità, questa è la Carrozzeria Ferrari di Novi Ligure, fondata nel 1964 dall’indimenticato Teresio Ferrari, conosciuto da tutti come “il pittore dei ciclisti”.

La Carrozzeria Ferrari, portata avanti con professionalità e serietà dal figlio Daniele, vera e propria istituzione novese nel campo offre numerosi servizi: presa in consegna del veicolo, auto sostitutive, banco dime (ripristino dell’autovettura in caso di incidente grave), verniciatura, ritocchi, lucidatura, cristalli, ricarica clima e, da qualche tempo, meccanica ed elettrauto. Una carrozzeria storica che sa adeguarsi ai cambiamenti del tempo, ampliando la rosa dei servizi.

La Carrozzeria Ferrari si occupa anche di un settore prestigioso: il restauro delle autovetture d’epoca e sportivi, tra le chicche la Carrozzeria Ferrari ha restaurato addirittura un automobile sportiva del grande attore Jean Paul Belmondo!

Il tutto viene fatto in loco dalla Carrozzeria Ferrari senza dover andare dal concessionario di riferimento.

Quindi vi consigliamo vivamente di affidarvi alla competenza e alla professionalità della Carrozzeria Ferrari, a Novi Ligure in viale Industria 3!

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Banda Musicale Arquatese festeggia il 90° anniversario dalla fondazione

Quest’anno la Banda Musicale Arquatese compie 90 anni, un’occasione per celebrarne l’istituzione con una kermesse di due giorni, sotto il patrocinio del Comune di Arquata.

Programma nutrito, a cominciare da sabato 15 giugno 2019, alle 21 in Piazza Bertelli con il concerto della Banda Musicale Arquatese, per proseguire domenica 16 dalle ore 9,00 con la sfilata per la vie cittadine di Bande in raduno.

La Banda Arquatese, costituita nel 1929, ha una sua storia, una sua tradizione e un suo impegno da rispettare nel tempo. La banda è il mezzo più popolare di diffusione della musica. Ha una propria letteratura, è in grado di divulgare quei capolavori musicali di ogni genere, di ogni tempo e di ogni nazione che possono essere trascritti per un complesso di strumenti a fiato.

La nostra Banda ha celebrato nel 1989 il 60° anniversario con un gran concerto. In quell’occasione sono stati premiati tutti i componenti dalla fondazione e i nuovi allievi, investimento per il futuro. Sotto la presidenza di Claudio Bottaro e la direzione di Andrea Moncalvo fu organizzato il 70° di fondazione, mediante un raduno bandistico con gli amici di Novi, Serravalle e Borghetto e due giorni di festeggiamenti. Nel 2002 organizzò un gemellaggio musicale con la banda di un paese della periferia viennese: Purkersdorf .

Due bellissime giornate, all’insegna dell’amicizia e del divertimento. Ancora tre giorni di festeggiamenti nel luglio 2009 per la celebrazione dell’80° anniversario di fondazione con una serata di ballo liscio e un concerto della Fanfara della Brigata Alpina Taurinense. La festa dedicata a Enzo Moroni sicuramente è passata alla storia non solo della Banda, ma di Arquata.

15440507_10154392191496107_7093346934031297156_o

Giro d’Italia 12° tappa – Pinerolo incorona Benedetti

Pinerolo, 23 maggio 2019 – L’italiano Cesare Benedetti, 31enne della Bora-Hansgrohe, ha conquistato la sua prima vittoria da professionista nella 12esima tappa del Giro d’Italia battendo sul traguardo di Pinerolo i compagni di fuga Damiano Caruso (Bahrain-Merida) e il debuttante irlandese Eddie Dunbar (Team Ineos). Con il gruppetto in avanscoperta anche lo sloveno Jan Polanc (UAE Team Emirates) che ha ereditato la Maglia Rosa dal suo compagno di squadra Valerio Conti mentre Gianluca Brambilla (Trek-Segafredo), quarto, è la nuova Maglia Azzurra, vestita fino ad oggi dal compagno di squadra Giulio Ciccone. Cambia anche la Maglia Bianca, con Hugh Carthy (EF Education First) nuovo miglior giovane in Classifica Generale. 

LE PILLOLE STATISTICHE

  • Prima vittoria da pro per Cesare Benedetti. La sua ultima vittoria era stata il Trofeo Edil-C, una gara non classificata UCI, il 29 marzo 2008. E il primo ultratrentenne a vincere una tappa al Giro quest’anno. L’ultimo corridore a vincere la sua prima tappa oltre i 30 anni era stato Chris Froome (32) sullo Zoncolan l’anno scorso.

  • Cesare Benedetti è il decimo corridore trentino a vincere al Giro, dopo Francesco Moser (23 vittorie), Gilberto Simoni (7), Mariano Piccoli (3), Maurizio Fondriest (2), Matteo Trentin, Alessandro Bertolini, Leonardo Bertagnolli, Claudio Michelotto e Marcello Osler. Anche Trentin si era imposto a Pinerolo, tre anni fa.

  • Jan Polanc, vincitore di due tappe al Giro, Abetone nel 2015 e Etna nel 2017, non è stato leader di una gara a tappe dal Giro del Friuli (cat. UCI 2.2) del 2013.

RISULTATO FINALE
1 – Cesare Benedetti (Bora – Hansgrohe) – 158 km in 3h41’49”, media 42,737 km/h
2 – Damiano Caruso (Bahrain – Merida) s.t.
3 – Edward Dunbar (Team INEOS) s.t.

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da EnelJan Polanc (UAE Team Emirates)

  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo Arnaud Demare (Groupama – FDJ)

  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca MediolanumGianluca Brambilla (Trek – Segafredo)

  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da EurospinHugh John Carthy (EF Education First)

CLASSIFICA GENERALE
1 – Jan Polanc (UAE Team Emirates)
2 – Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma) a 4’07”
3 – Valerio Conti (UAE Team Emirates) a 4’51”

CONFERENZA STAMPA
Il vincitore di tappa 
Cesare Benedetti ha dichiarato: “Sono molto contento. È una giornata veramente emozionante, qualcosa che ho atteso dal giorno in cui ho visitato per la prima volta un villaggio di partenza del Giro d’Italia nel 1999. Da quel giorno ho sognato di diventare un corridore professionista. Oggi, quando mi sono staccato sull’ultimo strappo, ho pensato che magari i tre davanti si sarebbero guardati un po’ troppo. Non mi sono dato per vinto e dopo averli ripresi sono partito dopo l’ultima curva, forse un po’ troppo presto perchè c’era vento contrario ma le mie gambe hanno tenuto. Non ho festeggiato prima della linea perché mi hanno insegnato sin da U17 di festeggiare solo un metro dopo il traguardo per evitare sorprese e, in ogni caso, di non essere troppo esuberante”.

La Maglia Rosa Jan Polanc ha dichiarato: “Ogni corridore che partecipa a un grande giro sogna un giorno come questo. Sarà difficile essere in Maglia Rosa fino a Verona ma sicuramente cercherò di conservarla domani. Dipenderà da quanta energia avrò ancora. L’obiettivo di oggi con il mio team era quello di andare in fuga e tenere la Maglia. Credo che a partire da domani ci saranno distacchi più ampi tra i primi della Generale. Il Giro è appena iniziato per chi punta alla vittoria finale. C’è una grande battaglia in arrivo”.

LA TAPPA DI OGGI
Tappa 13 – Pinerolo-Ceresole Reale (Lago Serrù) 196 km – dislivello 4.500 m
Arrivo in salita sopra i 2.000 m. La tappa si snoda interamente in provincia di Torino aggirando da nord il capoluogo Piemontese e scalando dapprima il Colle del Lys dal suo versante più difficile con lunghi tratti tra il 9 e il 10%. In seguito, attraversato il Canavese Occidentale, la corsa scala la salita inedita di Pian del Lupo (strada del Santuario di Santa Elisabetta), dura e articolata sia a salire che a scendere con pendenze per lunghi tratti in doppia cifra.

Al termine della discesa su Pont Canavese inizia la salita finale che tra falsopiano e salita vera e propria misura oltre 44 km. Dopo Noasca la salita vera con le pendenze maggiori nella prima parte dove si percorre la strada vecchia riasfaltata per le biciclette, che evita la lunga galleria di 3.650 m. Giunti nell’abitato di Ceresole la strada spiana accanto al lago artificiale per riprendere a salire per gli ultimi 10 km.

Maria Rosa Porta – candidata alle elezioni regionali del Piemonte ed Europee

Il rientro in Forza Italia e la candidatura alle Elezioni Regionali del Piemonte rappresenta per me un momento di passaggio importante. Si chiude un periodo faticoso ed impegnativo ma pieno di grandi soddisfazioni personali. Ho avuto l’onore di essere la Prima Donna Candidato Sindaco, la Prima Donna Capogruppo Consigliare, la Prima Donna Presidente del Consiglio Comunale di Novi e questo è stato fonte di grande soddisfazione personale; ho vissuto questi ruoli consapevole della grande fiducia che i cittadini con il loro voto mi avevano attribuito e spero, di aver saputo rispondere con responsabilità ed impegno alle attese.

Mi candido alle Regionali del Piemonte e ho scelto di passare il testimone nell’assise cittadina, per questo motivo non mi ripresento in Consiglio Comunale.

Ritengo che sia giusto favorire il ricambio. Permettere a forze nuove e giovani di provare l’esperienza del Consiglio Comunale serve a dare dinamismo alle Istituzioni e a creare una classe dirigente che, partendo dal basso, costruisce attraverso l’esperienza diretta, la propria capacità amministrativa.

Questo non vuol dire che mi disinteresserò della mia Città anzi se sarò eletta Consigliere Regionale avrò la possibilità di metter Novi, il Basso Piemonte, le sue vallate, al centro della politica regionale piemontese.

Chi mi conosce sa che sono capace di battere piedi e pugni per ottenere ciò che voglio.

Porta 1

La sfida è ambiziosa e per raggiungere il risultato è necessario ancora una volta che i Novesi, e non solo, mi accordino la loro fiducia.

il sogno che la forza delle mie idee possa diventare risposta innovativa per servire i Cittadini di Novi e della ns. provincia è la motivazione che mi ha spinto ad accettare la candidatura alle Regionali del Piemonte per il mio territorio.

Rappresentare un territorio come quello Novese e Alessandrino, area vasta dal punto di vista geografico, caratterizzata da una moltitudine di panorami tutti ricchi di peculiarità, di preziosi patrimoni culturali capaci di mantenere vivo il ricordo di un importante passato, è una sfida difficile ma non impossibile da vincere.

Tornare a crescere” è il nostro imperativo categorico. Per rilanciare in Piemonte l’occupazione e smaltire il debito accumulato in questi ultimi anni di governo del centro sinistra è necessario uscire da questo periodo di stagnazione della produttività e agganciare la ripresa internazionale che si sta profilando.

Alberto Cirio, europarlamentare e oggi candidato alla Presidenza della Regione per il centrodestra, è uomo di comprovata esperienza , capace di proiettare la ns. Regione in una dimensione strategica nuova; a me se sarò eletta in Consiglio Regionale, il compito di ricordargli che il novese e tutta la Prov. di Alessandria da sempre occupa un ruolo importante nell’economia generale del Piemonte e che di questo ruolo si dovrà tener conto.

Grazie ancora!!!! m.r.p.

Porta 3

BIOGRAFIA

Maria Rosa Porta, prima donna Presidente del Consiglio Comunale di Novi Ligure, è stata eletta per la prima volta nel 1999. E’sempre stata rieletta in ogni tornata elettorale e siede da 20 anni tra i banchi della massima assise cittadina della sua Città.

Ha ricoperto vari ruoli Istituzionali da Presidente di Commissioni speciali di indagine a Presidente della Commissione Sanità Affari Sociali politiche del lavoro. E’ stata anche componente della Commissione Permanente per le Pari Opportunità della Provincia di Alessandria.

Ha costruito la sua esperienza amministrativa partecipando attivamente alle Commissioni Gestione Territorio Attività Economiche, Opere Pubbliche e Trasporti, Bilancio e Finanze

Insegnante di Scuola Primaria, RSU CISL Scuola, Esperto T.I.C. e Docente Formatore Corsi del Ministero della Pubblica Istruzione, componente del Gruppo di supporto Provinciale alla Riforma Moratti, ha collaborato, per il Provveditorato di AL a parecchi tavoli di lavoro sul l Piano di Comunicazione e Riforma degli Ordinamenti Scolastici.

Messaggio elettorale a cura del candidato

Porta 2

 

Concerto del 2 giugno e mostra fotografica a Serravalle Scrivia

Il Comune di Serravalle Scrivia invita la cittadinanza al tradizionale “Concerto del 2 giugno” che so terrà domenica prossima nel parco Ragazzi della Benedicta alle ore 21:00.

Il concerto sarà eseguito dal corpo musicale “Pippo Bagnasco” diretto dal maestro Giuseppe Carlone. In caso di maltempo il concerto si terrà al coperto nel salone del Centro Pastorale “Maria Regina” in località Cà del Sole.

Sempre in occasione delle celebrazioni per la Festa della Repubblica a partire da venerdì 31 maggio (inaugurazione alle ore 17:00) l’Associazione Uniduevalli Borbera e Scrivia organizza la mostra di storia contemporanea dal titolo “Quando l’Italia si rialzò e si mise a correre – Gli anni della ricostruzione e del boom” presso i locali di via Berthoud 60. La mostra sarà visitabile il 1° ed il 2 giugno dalle ore 9:30 alle ore 12:30 e dalle ore 15:30 alle ore 19:30.

Banda_Ana

Incontro pubblico sulla riqualificazione urbana a Novi Ligure

Martedì 28 maggio, nella Sala Conferenze della biblioteca civica di Novi Ligure si terrà un incontro informativo dal titolo “Misure per il riuso, la riqualificazione dell’edificato e la rigenerazione urbana” organizzato dall’Amministrazione Comunale.

Il 26 ottobre scorso è entrata in vigore la legge n.16 che regola le nuove misure edilizie ed urbanistiche per riqualificare gli edifici esistenti e limitare così il cosumo di suolo.

Un’attenzione particolare è stata dedicata alla ristrutturazione degli immobili compromessi, non più funzionali o in stato di abbandono, con interventi che mirano a favorire la sostenibilità ambientale ed il miglioramento del tessuto edilizio ed urbano sotto il profilo strutturale, architettonico, energetico, sociale ed economico.

All’incontro interverranno l’arch. Giovanni Paludi, vicedirettore della Direzione Ambiente-Governo e Tutela del Territorio, il dott. Antonio Trifirò, funzionario del Settore Giuridico-Legislativo della Direzione Ambiente-Governo e Tutela del Territorio e l’arch. Fulvia Zunino, funzionario tecnico in staff della Direzione Ambiente-Governo e Tutela del Territorio.

L’incontro è aperto a tutti, cittadini, tecnici comunali, professionisti e operatori economici.

rigenerazione-territorio-a

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: