Pesante ondata di maltempo per la giornata di domani

Una forte ondata di maltempo è prevista per la giornata di domani su tutto il Nord-Ovest. Le prime piogge sono già arrivate oggi a seguito della perturbazione atlantica.

Nella giornata di domani si isolerà un minimo al suolo sul Golfo Ligure e si intensificheranno i fenomeni, in particolare sulla fascia Appenninica dove potranno esserci anche temporali localmente molto intensi.

Le precipitazioni provocheranno l’innalzamento dei livelli idrometrici di fiumi e torrenti, già sul livello di guardia a causa della lunga ondata di maltempo che va avanti ormai dalla seconda metà di ottobre.

Nei rilievi oltre i 1500-1700 metri potrebbero esserci precipitazioni nevose e prestare la massima attenzione al fenomeno valanghe. Il maltempo dovrebbe attenuarsi dalla giornata di domenica.

L’ARPA (Agenzia Regionale per l’Ambiente) ha emesso il livello di allerta meteo rossa (ovvero massima) per le province di Genova, Savona e Sanremo e allerta meteo arancione (di grado appena inferiore) per le province di Alessandria, Asti e Cuneo.

Si raccomanda in questi casi di non mettersi in viaggio se non strettamente necessario, di non recarsi in garage e scantinati, di non parcheggiare nei pressi dei corsi d’acqua e di non sostare nei pressi di alberi e dei corsi d’acqua stessi.

SONY DSC

Convegno su Santa Caterina da Siena al convento dei Domenicani di Varazze

Sabato scorso, nel Convento dei Domenicani di Varazze, è stata presentata l’edizione dell’Epistolario di Santa Caterina da Siena a cura di Antonella Dejure dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo di Roma.

Dopo una breve introduzione storica sulla figura di Santa Caterina, la relatrice ha parlato del passaggio delle singole lettere all’epistolario, scritte nell’ultimo decennio della vita della santa (1370-1380), inviate ai regnanti che, in considerazione della grande fama di cui Caterina da Siena godeva già in vita, vennero trascritte per essere conservate.

Tra le raccolte dell’epoca, in particolare quelle degli anni appena successivi la sua morte, vanno ricordate quelle di Landoccio Pagliaresi, Stefano Maconi e Tommaso Caffarini.

Sono otto le lettere originali di Caterina da Siena conservate, una si trova presso i frati domenicani di Catania e le altre a Siena.

Sono sessantasette i manoscritti contenenti le lettere di Caterina noti ad oggi, il più importante di essi è conservato a Vienna.

L’edizione dell’Epistolario presentata a Varazze è promossa dall’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo di Roma con la collaborazione della Provincia Romana di Santa Caterina da Siena dell’Ordine dei Predicatori ed il coinvolgimento delle Università di Napoli, Siena e Torino.

Questa edizione non è un proseguimento dell’ultimo epistolario, realizzato nel 1940 da Eugenio Duprè Theseider, del quale venne pubblicato solamente il primo volume contenente ottantotto lettere ma è una nuova edizione, favorita dal fatto che i manoscritti attuali sono più numerosi di quelli conosciuti all’epoca.

L’uscita del primo volume, contenente la descrizione dei sessantasette codici e l’introduzione all’intero lavoro è prevista per l’estate prossima, nel 2021 dovrebbe seguire il secondo volume contenente settanta lettere.

Varazze.16.11.2019.convegno-su-santa-Caterina-da-Siena-coll

Il calendario 2020 della CIA Agricoltori in favore dei Vigili del Fuoco

La CIA Agricoltori Italiani di Alessandria ha iniziato la distribuzione del nuovo calendario associativo per il 2020 che si intitola “In ProvinCIA”.

I ricavati del calendario, a donazione libera, andranno in favore dell’iniziativa lanciata dall’Associazione Vigili del Fuoco di Alessandria a sostegno delle famiglie delle vittime della strage di Quargnento. CIA Alessandria inoltre, come tutti gli anni, rinnova il suo impegno in favore della Fondazione Uspidalet Onlus, come riportato nelle pagine interne del calendario.

Il calendario 2020 ritrae, attraverso l’obiettivo del fotografo Massimiliano Navarria, i volti di dodici imprenditori rappresentativi delle zone della provincia (Alessandria, Acqui Terme, Ovada, Casale Monferrato, Novi Ligure e Tortona) e riporta produzioni, scadenze fiscali, mercati agricoli CIA e tutte le informazioni utili per il mondo agricolo.

Le aziende testimonial del calendario 2020 sono: Azienda Agricola Barozzi, Fontanassa, La Contea di Devon, Agriturismo Guardamonte, Azienda Agricola Massini Loredana, Azienda Agricola Tanari Luca, Azienda Agricola Sartirana Giancarlo, Azienda Agricola Cavallero Nadia, Cantine Alma, Orsi Azienda Agricola di Orsi Roberto, Azienda Agricola Boazzo Mario, Azienda Agricola Greta Pastorino.

Il calendario è disponibile in tutte le sedi CIA del territorio e ordinabile online tramite il sito www.ciaal.it

cover

“Pappa per Fido” a Novi Ligure gli avanzi delle mense donati al canile

Il Comune di Novi Ligure, a partire dal 25 novembre, farà partire il progetto “Pappa per Fido” realizzato in collaborazione con Dussmann Service e l’Associazione Novese per il Ricovero dei Cani Abbandonati.

Il progetto vedrà il riutilizzo degli avanzi di cibo provenienti dalle mense delle scuole novesi (circa 1200 pasti al giorno) che diventeranno una fonte di sostegno per l’ARCA Novese, che si occupa del canile rifugio e del canile sanitario per il Comune di Novi Ligure e ben trenta enti del circondario. Il progetto è già attivo in fase sperimentale con il pane avanzato dai bambini (circa 80 kg alla settimana) insieme agli avanzi delle scuole Zucca e Pascoli.

A partire da lunedì prossimo anche nelle altre mense comunali (otto scuole dell’infanzia e tre primarie) sarà allestito un contenitore apposito per la raccolta degli avanzi di cibo per gli amici a quattro zampe meno fortunati. Al termine del pranzo gli avanzi verranno raccolti da un autista che li consegnerà direttamente al canile.

Gli avanzi di produzione, cioè i preparati non distribuiti presso le mense, sono limitati grazie alla gestione del magazzino e delle materie prime. Da alcuni anni è in atto una convenzione tra il Comune ed il gruppo di Volontariato Vincenziano “Ignis Ardens” che, in città, sostiene le persone in difficoltà e distribuisce oltre seimila pasti caldi ogni giorno.

canile-Montefalco_1

Le rose al Museo della Ceramica di Savona

Le rose e la ceramica, due realtà solo apparentemente distanti ma che invece sono spesso unite. Domani alle 16:30 al Museo della Ceramica di Savona (via Aonzo 9) si terrà l’evento “Rose al Museo” una visita guidata… al profumo di rose!

Per l’occasione i visitatori potranno ammirare la sala dedicata all’antica farmacia dell’ospedale San Paolo di Savona, scoprendo i vasi, le loro forme, la loro funzione e gli unguenti che contenevano.

Al termine della visita guidata Maria Giulia Scolaro, dell’omonima azienda agricola bio produttrice di sciroppo e composta di rose, presidio Slow Food, svelerà ai partecipanti alcuni possibili utilizzi in cucina della regina dei fiori. L’evento terminerà con una degustazione dei prodotti.

L’ingresso al Museo e la degustazione dei prodotti costa 9 € a persona. Per tutte le informazioni si può scrivere a museisavona@solidarietaelavoro.it oppure telefonare al numero 348-3578728.

caricamento-temporaneo-per-contributo-mmcybenfu5-592827

Giulia Pont in scena al Teatro della Juta di Arquata Scrivia

Sabato 23 novembre al Teatro della Juta di Arquata Scrivia (ore 21:00), continua Superhuman”, la stagione teatrale 2019-20 dell’associazione commedia community, in collaborazione con il collettivo teatrale officine gorilla e con il patrocinio del comune di arquata scrivia e del comune di gavi, con un altro spettacolo tutto al femminile: “ti lascio perché ho finito l’ossitocina”, scritto e interpretato da Giulia Pont, diretto da francesca lo bue.

Ti lascio perché meriti di più. Ti lascio perché ti amo troppo. Ti lascio ma tu non c’entri. Ti lascio perché non voglio farti soffrire. Ti lascio perché voglio imparare a suonare l’ukulele…

 La fine di una storia d’amore è uno degli eventi più comuni e traumatici della vita di ognuno. Un dramma che spesso si riempie di risvolti comici, talvolta assurdi. Giulia tenterà di guarire il suo mal d’amore sperimentando in maniera folle il potere terapeutico del teatro: il pubblico diventerà il suo terapeuta. 
Una chiacchierata spassosa e coinvolgente dove pensieri, emozioni, disastrose manovre di riavvicinamento e improbabili consigli di parenti e amici s’intrecciano.
 Un gioco divertente, commovente e catartico.


Giulia Pont, nasce a Torino nel 1986, si laurea in Dams Teatro nel 2010 e si diploma presso l’Atelier Teatro Fisico di Torino (2011) diretto da Philip Radice. Si forma con Eugenio Allegri, Rita Pelusio, Laura Curino, Carlo Boso e altri importanti professionisti. Nel 2017 si diploma presso il corso di perfezionamento per attori Shakespeare School, diretto da Jurij Ferrini e con maestri quali lo stesso Ferrini, Cristina Pezzoli, Valerio Binasco, Marco Lorenzi, Alessandra Frabetti.

Non solo interpreta ma inizia a scrivere, perché scrivendo può giocare a trasformare gli incidenti della vita in storie divertenti e liberatorie. Nel marzo del 2012 “Ti lascio perché ho finito l’ossitocina”, il primo spettacolo di cui è autrice oltre che interprete, si classifica primo al concorso di monologhi UNO di Firenze. Attualmente “Ti lascio perché ho finito l’ossitocina” sta girando l’Italia. 

Per info e prenotazioni: 345.060.4219 o teatrodellajuta@gmail.com Ingresso posto unico €10. Carnet 5 spettacoli € 45, Carnet 10 spettacoli € 85

Giulia Pont

La Filarmonica di Arenzano celebra Santa Cecilia

Una domenica tutta dedicata alla musica quella di Arenzano. Domani 22 novembre infatti la Chiesa celebra Santa Cecilia, la Santa patrona della musica, degli strumentisti e dei cantanti.

Per celebrare la ricorrenza, domenica 24 la Filarmonica di Arenzano organizza la “Festa di Santa Cecilia” che si inserisce nelle celebrazioni per il venticinquennale di attività della banda.

Alle ore 10:30 si terrà la sfilata della Banda Filarmonica per le vie del centro storico arenzanese seguita, alle ore 11:30 dalla S.Messa nella parrocchia dei SS. Nazario e Celso (a pochi metri dal Parco).

2014-04-26-12.23.59

Idee regalo di Natale bio con l’Azienda Agricola Maria Giulia Scolaro

Manca ormai appena un mese all’arrivo del Natale, perché non regalare qualcosa di particolare, magari un cesto di prodotti da agricoltura biologica e a km zero?

Ecco allora l’Azienda Agricola Bio Maria Giulia Scolaro che, in località Ronchetto a Savignone da anni coltiva, in una splendida vallata dell’entroterra genovese incuneata tra la Valle Scrivia e la Val Polcevera, prodotti con certificazione di agricoltura biologica. Rose da sciroppo, frutta, frutti di bosco, ortaggi, confetture e composte adatte a tutti i gusti e tutti i tipi di abbinamenti.

L’Azienda Agricola Bio Maria Giulia Scolaro fa parte, sin dal 2008, del circuito “I sapori del Parco Antola”.

Con l’avvicinarsi del Natale l’Azienda Agricola Bio prepara delle confezioni apposite e dei cesti con il meglio delle produzioni: dallo sciroppo di rose 100% bio alle confetture e composte, sia quelle tradizionali per la colazione e la merenda (fragole, sambuco, more, ecc…) sia quelle più particolari perfette da abbinarsi con formaggi, carne e altri piatti salati (cipolle rosse, cotognata, pere alla cannella, ecc…). Tutte le confetture sono preparate senza l’utilizzo di addensanti e la preparazione dei prodotti avviene all’interno del laboratorio di trasformazione, a norma di legge con certificato biologico.

Maria Giulia Scolaro sarà ospite domani del Museo della Ceramica di Savona, in occasione dell’evento che parlerà delle antiche ampolle prodotte dai ceramisti di Celle e Albissola per gli sciroppi, tra cui quello di rose. Alla presentazione seguirà una degustazione dei prodotti dell’Azienda Agricola.

L’Azienda sarà poi ospite venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 dicembre all’importante fiera enogastronomica “Dolci Terre di Novi” che si terrà nel centro fieristico di Novi Ligure e vedrà partecipare numerosi produttori italiani ed esteri.

Probabile, ma da confermare, la partecipazione venerdì 13 dicembre a Genova alla manifestazione del CIV di via Corsica nel quartiere di Carignano.

Maria Giulia Scolaro è inoltre autrice del libro “Rosa rosae – declinare la rosa in cucina” pubblicato da Sagep Editori e disponibile nelle più importanti librerie.

Le confezioni natalizie, nonché ovviamente tutti i prodotti, possono essere acquistati sia in occasione delle fiere che direttamente presso l’azienda agricola bio contattando il numero 349-8699372 (preferibile un messaggio sms o WhatsApp) oppure inviare una mail a mariagiulia.scolaro@libero.it L’azienda agricola bio di Maria Giulia Scolaro ha la sua pagina Facebook ufficiale www.facebook.com/Az.Ag.Bio.mariagiulia.scolaro ed il sito ufficiale www.sciropporose.it

“Ho visto un elefante”, i settant’anni della ORMIG in mostra ad Ovada

Il Comune di Ovada e l’Accademia Urbense, in collaborazione con l’azienda ORMIG ed il patrocinio di Confidustria organizzano la mostra, che si terrà nella Loggia di San Sebastiano dal titolo “Ho visto un elefante – 70 anni di storia del sollevamento ad Ovada”.

La ORMIG venne fondata nel 1949 da Guido Testore, uno dei primissimi in Europa ad introdurre l’autogrù come veicolo indispensabile per l’economia. In pochissimi anni la ORMIG divenne un’azienda ad alta professionalità, in grado di costruire un prodotto esportato in tutto il mondo e vanto ancora oggi dell’industria italiana.

L’azienda ha avuto nel corso degli anni una continua evoluzione che l’ha portata a diventare una tra le più affidabili del settore del sollevamento e della movimentazione, in grado di produrre mezzi di alta qualità e tecnologicamente avanzati, ancora oggi la ORMIG è condotta dalla famiglia Testore.

Il titolo della mostra “Ho visto un elefante” riprende la frase che il fondatore Guido Testore disse alla figlia bambina per descrivere il suo progetto.

La mostra rimarrà aperta dal 29 novembre all’8 dicembre dalle ore 10:30 alle ore 12:30 e dalle ore 17:00 alle ore 19:00. All’inaugurazione di venerdì 29 saranno presenti il Sindaco di Ovada, Paolo Lantero, il Vescovo della Diocesi di Acqui, Mons. Luigi Testore, il presidente dell’Accademia Urbense, Paolo Bavazzano ed il presidente della ORMIG, Gemma Testore. Seguirà aperitivo di benvenuto.

Ormig Ovada

Gli Junior Geoparker alla scoperta del magico mondo delle api a Sassello

In occasione della giornata conclusiva del Concorso Mieli dei Parchi di Liguria, che domenica 24 premierà le produzioni di eccellenza delle aree protette, gli Junior Geoparker del Parco del Beigua – Unesco Global Geopark si ritroveranno sabato 23 alla Casa del Parco nella Foresta della Deiva a Sassello per un laboratorio didattico dedicato alla scoperta dell’affascinante mondo delle api e la loro vita nell’alveare.

Nel corso del laboratorio gli Junior Geoparker creeranno con le loro mani delle simpatiche candele in cera d’api e, a fine pomeriggio, come di consueto, merenda per tutti da Beigua Docks.

La prenotazione è obbligatoria entro venerdì alle ore 18:00 telefonando al numero 393-9896251, il costo dell’iniziativa è di 10 € compresa la merenda.

Sempre dedicato ai bambini è l’appuntamento di sabato 23 all’Orto Botanico Hanbury con il laboratorio didattico a cura dell’Associazione Didattica Museale. Dopo la visita alle serre tropicali ci sarà un vero e proprio salto indietro nel tempo per scoprire le piante tropicali che, milioni di anni fa, circondavano il territorio di Stella, nel Parco del Beigua.

La prenotazione è obbligatoria compilando il modulo on-line sul sito del Parco del Beigua www.parcobeigua.it il costo dell’iniziativa è di 6 €.

Mondo Api

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: