L’ARCHITETTURA DEL POTERE, NELL’ENTROTERRA DI FINALE LIGURE CERCANDO I TESORI DEI DEL CARRETTO

Questo sabato in tutta Europa si tengono le Giornate Europee del Patrimonio, dedicate alla scoperta dei tanti tesori storici, artistici e archeologici presenti sul territorio. Per l’occasione il Museo Archeologico del Finale ha organizzato una visita guidata nell’entroterra di Finale Ligure alla scoperta di autentici tesori.

A partire dalle ore 15 le guide del Museo Archeologico del Finale accompagneranno i visitatori alla scoperta del suggestivo paesaggio rurale delle frazioni dell’entroterra del Comune di Finale Ligure, lungo un itinerario guidato attraverso i monumenti dell’epoca Rinascimentale che vennero commissionati dai Marchesi del Carretto, i potenti feudatari del Marchesato di Finale.

Il percorso attraverso gli esempi di Architettura del Potere, includerà inoltre la visita alla Chiesa di San Sebastiano di Perti, alla Chiesa di Nostra Signora di Loreto chiamata anche Chiesa dei Cinque Campanili e della Chiesa romanica e della cripta di Sant’Eusebio. All’interno di questi monumenti sono inoltre visibili due affreschi votivi con Beati Domenicani riconducibili a dei pittori piemontesi ignoti della fine del XV secolo, gli affreschi sono stati inoltre oggetto di un restauro nel luglio 2021 con il sostegno della Fondazione Agostino De Mari di Savona.

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: