ARIANNA ILARDI ALLE SEMIFINALI DELLA BIENNALE CARTASIA DI LUCCA

Un nuovo importante riconoscimento per l’artista Arianna Ilardi, a corollario di un periodo particolarmente ricco di soddisfazioni dal lato artistico, che l’hanno vista partecipare e, in alcuni casi affermarsi, in concorsi internazionali in tutto il mondo.

Arianna è stata infatti selezionata per le semifinali della prestigiosa Biennale di Lucca “Cartasia”, evento tra i più importanti nel panorama artistico nazionale. La Biennale di Lucca è il più grande evento al mondo dedicato all’arte e all’architettura in carta. Giunto alla sua decima edizione, il concorso vede le sezioni Outdoor, con sculture monumentali in cartone, Indoor con le opere in carta della Paper Art, Architettura & Design, Performance con un palcoscenico per le performance contemporanee che coinvolgono la carta, Network con conferenze ed eventi ed EduLab, la sezione per bambini e ragazzi con laboratori creativi.

Arianna Ilardi ha raggiunto le semifinali della sezione Performance, dove è tra i nove artisti, provenienti da ogni parte del mondo e una delle due italiane in concorso insieme alla Compagnia Teatrale Drogheria Rebelot di Milano. L’artista ci ha raccontato in cosa consisterà la sua performance: “Sarà un’opera completamente nuova, dove posso esprimere tutta me stessa – ha detto Arianna Ilardi – la performance alla Biennale di Lucca è pensata per un luogo neutro, non avevo in mente un teatro, potrebbe essere fatto anche in piazza, lo spettacolo sarà tutto sul linguaggio del corpo, la macchina più potente esistente al mondo. Il corpo, come ho più volte detto e dimostrato nel corso dei miei spettacoli, è lo specchio delle emozioni e dello stato interiore delle persone, è quello che riflette come stiamo in quel momento e cosa proviamo. La potenza del corpo, sia nel bene che nel male, è immensa e rende molto di più di qualunque parola.

Riguardo alla partecipazione alla Biennale di Lucca Arianna Ilardi aggiunge: “Sono arrivata alle semifinali con un progetto inedito. E’ un traguardo importantissimo, personalmente mi metto sempre in gioco, la mia idea di professionalità è quella di cercare di partecipare ad eventi di alto livello. Non importa se, magari, non vengo ammessa alle finali, ma vedere il mio nome accanto a personalità celebri è un punto d’orgoglio – prosegue Arianna – è come per un’atleta, è meglio partecipare ai Campionati Mondiali e magari non ottenere una medaglia piuttosto che vincere delle maratone tra i dilettanti quando si è consapevoli di essere di livello superiore. Confrontarsi con il meglio mi spinge a migliorare sempre di più e non accontentarmi di quanto fatto fino ad ora, cerando di spingere sempre più in la i miei obiettivi”.

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: