CARLO SIPSZ IN MOSTRA A SAVONA CON “LA MAGIA DELLA MATERIA”

Ha aperto i battenti sabato, e sarà visitabile fino al 5 dicembre, la mostra personale dell’artista Carlo Sipsz alla Galleria GulliArte di Savona, dal titolo “La magia della Materia”. All’interno dell’esposizione sarà possibile ammirare le opere inedite di pittura e di ceramica dell’artista, con l’allestimento e la progettazione di Antonella Gulli.

Nella mostra di Carlo Sipsz il segno artistico si fa informale, privo, apparentemente di un controllo razionale, toccando altre sponde dell’espressione, coniugando, in una sintesi istantanea, l’atto, l’essere il gesto, fino a quando il momento creativo quasi non arriva più a distinguere l’opera dall’artista, che diventa un operatore di magie e frutto, egli stesso, di misteriose magie.

Carlo Sipsz lavora scorteggiando la materia, proprio come fosse un legno vivo, arrivando a scoprirne il midollo, la linfa che genera la vita, che da senso all’universo, facendo si che la natura sia ancora capace di rinnovare le sue stagioni, nonostante le troppe azioni, tutt’altro che positive, da parte dell’uomo. L’uomo, secondo Sipsz, dovrebbe chiedersi perché non contribuire a migliorare l’aspetto del mondo in cui viviamo? Inventando armonie di suoni, colori, forme e movimenti in particolare al giorno d’oggi, dove si può fare solamente se l’artista riesce a rimuovere la maschera superficiale di bellezza della materia e liberarne la magia primitiva.

La mostra è aperta al pubblico tutti i giorni dalle ore 11 alle ore 12 e 30 e dalle ore 15 e 30 alle ore 19 e 30 con ingresso libero previa esposizione del Green Pass.

Carlo Sipsz, pittore e scultore, è nato a Genova nel 1941, a partire dal 1957 studia presso l’Istituto Arte della Medaglia come incisore e cesellatore, allievo del grande scultore Walter Kemmler. Negli anni Sessanta collabora, come scenografo, al Teatro Carlo Felice di Genova. Nella metà degli anni Sessanta esordisce come pittore, presentando i suoi lavori in mostre collettive in Italia e all’estero. Nel 1974 si trasferisce ad Albisola, iniziando il suo rapporto con la ceramica, presenta le sue ceramiche in varie manifestazioni a partire dal 1976 e, nel 1978, ottiene il Premio Speciale per l’Architettura alla Biennale Internazionale di Ceramica d’Arte Città di Vallauris. Nel 1979 ottiene la Targa d’Oro al Concorso Internazionale di Gualdo Tadino. Nel 1980 apre il suo proprio laboratorio personale ad Albisola. Sono numerosi i premi conseguiti nel corso degli anni dall’artista, ricevendo anche la targa della Regione Liguria per il lavoro svolto nel 1991, realizzando opere per il Comune di Cogoleto, per il Comune di Savona, per il Liceo Artistico di Savona e molto altro ancora.

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: