COLDIRETTI, IL PESTO ALLA GENOVESE TRA I PRODOTTI PIU’ TAROCCATI AL MONDO

Il pesto genovese è diventato, suo malgrado, uno dei cibi italiani più imitati all’estero, entrando in classifica insieme alla mozzarella, al Parmigiano Reggiano, al Chianti e molti altri ancora che, dagli Stati Uniti al Brasile, dal Sudafrica all’Australia passando addirittura per Giappone, India e Cina, utilizzano il fenomeno dell”Italian Sounding”.

Coldiretti Liguria lancia l’allarme, il Pesto alla genovese, prodotto tra i più amati e apprezzati dalle famiglie italiane e tra i più conosciuti anche al di fuori dei nostri confini viene sempre più taroccato, con risultati a dir poco imbarazzanti, se negli Stati Uniti diventa il “Basil pesto sauce” o addirittura “Spicy Thai pesto” in Sudafrica è il “Basil pesto”, naturalmente gli ingredienti di queste salse hanno poco o nulla a che vedere con il vero pesto alla genovese, aromatizzando il basilico con limone o olio di avocado!

Il pesto alla genovese non è l’unica vittima delle frodi alimentari sui cibi italiani, come ha denunciato Coldiretti si può spaziare da imitazioni del Parmigiano Reggiano che diventa Parmesan negli Stati Uniti, Parmesao in Brasile e Reggianito in Canada, o il Chianti che viene venduto con il “Wine kit” per produrlo in proprio con polveri liofilizzate e alambicchi, ma anche altri prodotti di eccellenza non se la passano bene, basti pensare alla vicenda dello Champagne francese diventato in Russia il Sampanskoe.

Il sistema utilizzato è quello dell’Italian Sounding, una pratica ingannevole che utilizza parole, immagini e combinazioni grafiche e cromatiche che evocano l’Italia e che in realtà commercializzano prodotti che non c’entrano nulla con il vero Made in Italy.

Coldiretti chiede al Governo delle azioni concrete ed efficaci per tutelare i nostri marchi, contrastando il falso Made in Italy e, in caso di comunicazione ingannevole sulla provenienza di un prodotto, procedere in via amministrativa all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e, insieme alle pratiche di contrasto, delle misure preventive da applicare all’ingresso delle merci nel territorio dell’Unione Europea.

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: