COLDIRETTI IMPRESA PESCA LANCIA L’ALLARME, LA SITUAZIONE DEL COMPARTO DELLA PESCA IN LIGURIA E’ DRAMMATICA

Rischia di essere drammatica la situazione del comparto della pesca italiano, come emerso da una recente indagine di Coldiretti Impresapesca. Dal 1986 ad oggi infatti il settore ha visto un calo di quasi il 40 per cento delle imbarcazioni, con un grave impatto sull’economia, solo in Liguria sono quasi cinquecento le imbarcazioni che portano avanti questo mestiere che valorizza la produzione locale e tutela l’ambiente marino, ma bisogna sostenerlo e agevolare il ricambio generazionale.

L’analisi è stata presentata in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani, che vede il cambiamento climatico tra i fattori con maggiori conseguenze sul mondo della pesca, del turismo e del consumo di pesce, elemento essenziale per una dieta sana ed equilibrata.

La pesca in Italia e in Liguria sta subendo gli effetti combinati del surriscaldamento, dei cambiamenti climatici, delle importazioni selvagge di pesce straniero e di una burocrazia sempre più asfissiante – ha spiegato la responsabile di Coldiretti Impresa Pesca Liguria, Daniela Borriello – nel corso degli anni si sono ridotti il numero di pescherecci della nostra regione, con il futuro del comparto che è a rischio, così come la salute dei cittadini, con la riduzione delle attività di pesca locali vengono favoriti gli arrivi dall’estero di prodotti ittici, che non hanno le nostre stesse garanzie di sicurezza, a questo si aggiungono i problemi legati alla drastica riduzione delle attività di pesca imposte dalla normative europee e nazionali. È fondamentale – ha concluso Daniela Borriello – sostenere e non ostacolare il lavoro dei nostri pescatori, che svolgono un’attività tradizionale a tutela dell’ecosistema marino”.

Infine è emerso che a fronte del calo del pesce fresco si sta registrando un aumento dei consumi di prodotti surgelati, che, tuttavia, come hanno fatto notare il Presidente di Coldiretti Liguria, Gianluca Boeri e il delegato confederale, Bruno Rivarossa, danno meno garanzie all’origine, nove prodotti su dieci arrivano dall’estero, specialmente da paesi extra-europei, il consiglio di Coldiretti Liguria è quello di preferire pesce freschissimo appena pescato, ricordando che i pescatori svolgono anche la funzione di spazzini del mare, eliminando rifiuti abbandonati, a tutela dell’ambiente marino.

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: