SLOW FOOD: LA LEGGE SULL’AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA E’ FONDAMENTALE, NON DEVONO PREVALERE GLI INTERESSI DI MINORANZE POTENTI CAVALCATE DALLA SCIENZA

Slow Food interviene in merito all’approvazione, da parte del Parlamento Italiano, della legge riguardante l’agricoltura e l’ambiente avvenuto il 20 maggio con il via libera al Disegno di legge sull’agricoltura biologica, che ha creato diverse polemiche anche in televisione.

La legge equipara l’agricoltura biologica a quella biodinamica, il Ddl, ha spiegato Slow Food, è la conseguenza logica di un’esigenza che è stata manifestata da più parti, da anni, infatti, in Italia produttori e società civile chiedono una normativa che regoli e sostenga il comparto biologico.

Attaccare questa legge vuol dire affossare la legge sull’agricoltura biologica, ha spiegato Slow Food, alcuni commenti su televisioni, radio e giornali, successivi all’approvazione della legge in Senato sono stati improntati ad un attacco sferrato dalla scienza al mondo del biologico e del biodinamico.

Il professor Alessandro Piccolo, presidente della Società Italiana di Scienze Biodinamiche e docente dell’Università Federico II di Napoli ha detto in merito: “Siamo molto preoccupati dei toni e dei contenuti con cui un gruppo minoritario di politici e ricercatori ha colpito le istituzioni nazionali che hanno varato la legge e con essa gli scienziati che compiono ricerche in agricoltura biodinamica in diversi atenei italiani, tacciando quest’ultima di stregoneria e diffondendo descrizioni fantasiose, non rispondenti al vero”.

Carlo Tricarico, presidente dell’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica ha illustrato che cosa prevede la legge: “L’Italia, il primo Paese europeo per esportazione di prodotti biologici e biodinamici, si dirige finalmente ad avere una normativa di settore. L’ampliamento dell’agricoltura biologica al 25% del suolo coltivato in Europa è l’obbiettivo delle nuove strategie europee e per questo il piano di sviluppo del bio prevede di impiegare in questa direzione almeno il 30% dei fondi per la ricerca in agricoltura. La legge – ha proseguito Tricarico – disciplina aspetti importanti non solo per le 80.000 aziende già biologiche, ma per le tante aziende agroalimentari italiane, per i territori, i consumatori, la ricerca scientifica. Istituisce i biodistretti, il marchio del biologico italiano più restrittivo di quello Ue e l’interprofessione, insieme a formule di governance razionale per un settore in crescita tumultuosa. La biodinamica, è giustamente citata, come del resto nei regolamenti europei, come storica e peculiare espressione del bio”.

Che cos’è l’agricoltura biodinamica? È la forma originaria dell’agricoltura biologica, nata oltre un secolo fa, ha gettato le basi della bio-agricoltura, essa quindi è inscindibile dal biologico e ne costituisce un’espressione peculiare e coerente, perché si basa su un modello di organismo a ciclo chiuso, una meta del settore.

Quindi perché l’agricoltura biodinamica da così fastidio a certi settori dell’economia e ai soggetti che ne rappresentano gli interessi? Risponde Carlo Tricarico: “Finché il biologico e poi il biodinamico restavano lontani dal dibattito istituzionale e scientifico e non costituivano un importante esempio economico per tutte le imprese agricole italiane, il problema non si poneva. I guai dei biodinamici sono iniziati quando organizzarono con la Bocconi e la Fondazione Feltrinelli il primo convegno a Expo 2015 a Milano, con la partecipazione di esimi scienziati e l’impegno di prendere tutti insieme il carico del futuro agroalimentare del paese. Allora iniziarono le anacronistiche accuse di stregoneria. Con l’anatema, la scomunica è facile isolare e imbavagliare il dibattito, intimorire i ricercatori, dissuadere le istituzioni e rallentare così il processo riformatore che si muove inarrestabile. Il tema del contendere è proprio la grande maturità del settore biologico e biodinamico e la sua piena appartenenza al mondo agricolo italiano per una coesione del paese sulle sfide della modernità”.

Infine la biodinamica è meglio per la nostra terra madre, in quanto lascia gli agricoltori padroni delle proprie scelte nell’accudire la terra, con l’agricoltura biodinamica si può produrre senza veleni, si produce buon cibo e si sostengono economie resilienti.

Bisogna quindi evitare che una legge così importante venga fermata da una minoranza potente e bisogna fare in modo che essa venga approvata in modo trasparente, un argomento troppo importante per far prevalere degli interessi di parte.

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: