L’ETICHETTA ALIMENTARE, FONDAMENTALE QUANDO SCEGLIAMO GLI ALIMENTI

L’etichetta alimentare è molto importante per sapere che cosa portiamo a tavola, ma molti non la conoscono. Molto spesso crediamo di avere a che fare con un alimento sano, ma esso può contenere degli ingredienti che non vanno bene per una dieta sana ed equilibrata, in particolare per la dieta dei bambini e dei ragazzi.

Le etichette alimentari ci danno una mano a consumare alimenti sani e genuini e, soprattutto, a renderci consapevoli di quello che mangiamo.

Queste etichette rappresentano un vero “biglietto da visita” degli alimenti che acquistiamo normalmente, permettendoci di conoscere le loro caratteristiche nutrizionali. Si trovano generalmente sul retro delle confezioni, regolamentate dalle normative internazionali. Il produttore deve obbligatoriamente indicare i macronutrienti dell’energia (kcal) in base a 100 grammi di alimento oppure per porzione o singolo elemento.

Nell’etichetta è anche obbligatorio per il produttore indicare se sono presenti degli alimenti che contengono tracce di allergeni (es. uova, arachidi, frutta secca), mentre vi è la facoltà ma non l’obbligo di elencare anche i micronutrienti come minerali e vitamine.

Per leggere correttamente l’etichetta e quindi conoscere le caratteristiche nutrizionali di un prodotto dobbiamo considerare: l’elenco degli ingredienti facendo molta attenzione all’ordine in cui sono messi (es. lo zucchero prima del latte significa che il prodotto ha molti zuccheri), le caratteristiche nutrizionali, stando attenti alla presenza dei grassi saturi e insaturi e al valore energetico (espresso in kcal e kj), la lista degli allergeni che ci permette di individuare se vi sono sostanze che possono provocare eventi avversi, la presenza di additivi alimentari (coloranti, conservanti, addensanti, esaltatori di sapidità, umettanti, ecc…), la data di scadenza che deve essere sempre controllata e rispettata, la provenienza preferendo prodotti di origine italiana o ancora meglio a km zero, scegliendo possibilmente alimenti che riportino in etichetta il marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta), infine se si tratta di prodotti biologici le specifiche in merito all’utilizzo di pesticidi e antibiotici nella filiera produttiva.

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: