“Ho visto un elefante”, i settant’anni della ORMIG in mostra ad Ovada

Il Comune di Ovada e l’Accademia Urbense, in collaborazione con l’azienda ORMIG ed il patrocinio di Confidustria organizzano la mostra, che si terrà nella Loggia di San Sebastiano dal titolo “Ho visto un elefante – 70 anni di storia del sollevamento ad Ovada”.

La ORMIG venne fondata nel 1949 da Guido Testore, uno dei primissimi in Europa ad introdurre l’autogrù come veicolo indispensabile per l’economia. In pochissimi anni la ORMIG divenne un’azienda ad alta professionalità, in grado di costruire un prodotto esportato in tutto il mondo e vanto ancora oggi dell’industria italiana.

L’azienda ha avuto nel corso degli anni una continua evoluzione che l’ha portata a diventare una tra le più affidabili del settore del sollevamento e della movimentazione, in grado di produrre mezzi di alta qualità e tecnologicamente avanzati, ancora oggi la ORMIG è condotta dalla famiglia Testore.

Il titolo della mostra “Ho visto un elefante” riprende la frase che il fondatore Guido Testore disse alla figlia bambina per descrivere il suo progetto.

La mostra rimarrà aperta dal 29 novembre all’8 dicembre dalle ore 10:30 alle ore 12:30 e dalle ore 17:00 alle ore 19:00. All’inaugurazione di venerdì 29 saranno presenti il Sindaco di Ovada, Paolo Lantero, il Vescovo della Diocesi di Acqui, Mons. Luigi Testore, il presidente dell’Accademia Urbense, Paolo Bavazzano ed il presidente della ORMIG, Gemma Testore. Seguirà aperitivo di benvenuto.

Ormig Ovada

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: