Bartolomeo Delfino parlerà dei “misteri dell’arte” all’Unitre di Varazze

Sabato 23 febbraio alle ore 15:30, nel contesto delle proposte culturali in programma nell’Aula Magna dell’Unitre di Varazze si terrà un incontro con il Prof. Bartolomeo Delfino, che terrà una conversazione d’Arte con tema: I Misteri dell’Arte, significati nascosti tra sacro e profano.

Verranno proiettate e commentate immagini d’arte antica e moderna che presentano degli enigmi di interpretazione. L’ingresso è libero e gli ospiti sono invitati ad intervenire.

Per approfondire in attesa dell’incontro con il Prof. Bartolomeo Delfino:

Misteri dell’arte

Varazze-Prof.-Bartolomeo-Delfino

Come si fa a “capire” un quadro? Basta “guardarlo” per comprenderlo davvero? Avete mai pensato di farvelo “raccontare“?

«”Misteri dell’arte” è un’applicazione rivoluzionaria che consente a tutti, ma proprio tutti, di apprezzare appieno nove incredibili capolavori che hanno fatto la storia dell’arte. Non importa che tu sia un neofita o un appassionato. Grazie ad un’interfaccia intuitiva ed accattivante, potrai navigare all’interno dell’opera per scoprire ogni dettaglio. Se preferisci, invece, basterà semplicemente ascoltare: la voce narrante ti racconterà passo a passo tutti i particolari, anche quelli meno conosciuti. Se lo desideri, infine, potrai curiosare nella biografia dell’autore e nel periodo storico così da farti un’idea più precisa del contesto durante il quale l’opera è stata realizzata. Il tutto con un linguaggio chiaro, una grafica pulita ed immediata ed una risoluzione dell’immagine in alta definizione che ti lascerà senza fiato.»

Tiziano. Amor sacro e amor profano – Un libro di Stefano Zuffi

Descrizione

«Alla soluzione del mistero dell’ “Amor sacro e amor profano”, capolavoro di Tiziano all’incirca venticinquenne, ben poco giova il titolo con il quale esso è tradizionalmente conosciuto. Del dipinto, realizzato nel 1514 in occasione delle nozze tra il veneziano Nicolò Aurelio, segretario del Consiglio dei Dieci della Serenissima, e la bella padovana Laura Bagarotto (per una volta, a quanto pare, un matrimonio tra due innamorati!), il tema è, senza dubbio, la celebrazione dell’amore. Ma qual è il rapporto tra la donna biancovestita che guarda verso lo spettatore e l’altra che guarda verso di lei e che, soprattutto, è nuda? Il primo passo per comprendere il significato di quest’opera sarà non lasciarsi fuorviare da questa – per quanto eloquente nudità. E un po’ alla volta saliremo sempre più in alto: dall’amore all’Amore, dalla terra al Cosmo, dalla sfera della buona femminilità coniugale e materna al nitido mondo – finalmente, forse, svelato – delle idee.»

Botticelli-La-nascita-di-Venere-applicazione-a-cura-di-Stefano-Zuffi

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: