La storia del Festival di Sanremo. Sesta (ed ultima) parte 2001-10

Ultima puntata della storia del Festival, ecco gli anni Duemila. Il nuovo secolo rivoluziona la musica grazie all’arrivo di internet. Si moltiplicano i siti di streaming (legale e non), quasi scompaiono i supporti materiali e la musica diventa sempre più virtuale tra Ipod, mp3, ecc…

L’altra rivoluzione riguarda l’affermazione degli artisti, i tanti concorsi canori che si svolgevano in giro per l’Italia piano piano scompaiono e si affermano i talent show televisivi, forieri spesso di polemiche.

L’edizione del nuovo secolo parte sotto i migliori auspici, il 2001 ci regala un Festival di ottimo livello e, per la prima e unica volta, la conduzione della regina del varietà italiano: Raffaella Carrà affiancata dalla bellissima modella australiana Megan Gale e dal trio comico Enrico Papi, Massimo Ceccherini e Piero Chiambretti.

A vincere la gara è un assoluta outsider Elisa Toffoli in arte solamente Elisa, con “Luce, tramonti a nord est” https://www.youtube.com/watch?v=Tnj4LgpP2Hs, brano orecchiabile ma non eccezionale. Una vittoria che stupisce visto il parterre in gara, a cominciare da Giorgia che porta “Di sole e d’azzurro” https://www.youtube.com/watch?v=346COq_nm6w forse il miglior pezzo sanremese della cantante romana, passando per Gigi D’Alessio sempre più affermato a livello nazionale con “Tu che ne sai” https://www.youtube.com/watch?v=UNYq3_reZcg diventato uno dei suoi cavalli di battaglia, ma c’è anche il ritorno di Anna Oxa in una versione folkeggiante etnica con “L’eterno movimento” https://www.youtube.com/watch?v=LXTaBfa80b0 e la conferma di Alex Britti che porta “Sono contento” https://www.youtube.com/watch?v=oxGd-DuyKLI. Rivelazione dell’anno i giovanissimi Gazosa, una boy band campana la cui età media era di appena quindici anni che porta “Stai con me forever” https://www.youtube.com/watch?v=Q3BHu0zPYZY successo a sorpresa di vendite. Fa il suo esordio un cantante che avrà molto successo negli anni successivi: Paolo Meneguzzi.

Dopo l’esperienza Carrà, inspiegabilmente non ripetuta nel 2002 torna al timone del Festival Pippo Baudo affiancato da Vittoria Belvedere, con un’inevitabile virata verso lo schema classico della kermesse.

Vincono, dopo la bellezza di ventiquattro anni dalla loro prima vittoria, i Matia Bazar con “Messaggio d’amore” https://www.youtube.com/watch?v=1l9klF9lSa8, un bel brano che quasi omaggia la carriera dello storico gruppo. La rivelazione è la seconda classificata, Alessia Aquilani in arte Alexia con la blues “Dimmi come” https://www.youtube.com/watch?v=8EOXynJXbxY successo di vendite dell’anno. Buona l’interpretazione di Francesco Renga con “Tracce di te” https://www.youtube.com/watch?v=6pd3K1cvCmc dedicato alla madre, gradevole ma che arriva dieci anni dopo la vittoria di Luca Barbarossa sullo stesso tema. Ritornano la rivelazione dell’anno prima i Gazosa con “Ogni giorno di più” https://www.youtube.com/watch?v=aXrLQFQ1dG4 meno accattivante della precedente mentre un pezzo di grande qualità ci arriva dal bel Gianluca Grignani con “Lacrime dalla luna” https://www.youtube.com/watch?v=aHucq3KHumc, con il cantautore che conferma il suo talento. Ancora un’ottima prova di Nino D’Angelo con “Marì” https://www.youtube.com/watch?v=NjSF5bEBztQ mentre la rivelazione dell’anno è la giovane campana Anna Tatangelo con “Doppiamente fragili” https://www.youtube.com/watch?v=WZa5QfuUZRI, che inaugura la prima di molte partecipazioni al Festival.

Nel 2003 si conferma alla conduzione Pippo Baudo affiancato dalle attrici Serena Autieri e Claudia Gerini.

Anche questa edizione è ricca di proposte interessanti e di successi di vendita. Si aggiudica la gara Alexia con “Per dire di no” https://www.youtube.com/watch?v=e0fSWmPjlkI un pezzo che rappresenta quasi una vittoria compensativa per l’anno precedente. Medaglia d’argento per Alex Britti con “Settemila caffè” https://www.youtube.com/watch?v=m5K_MWQlRYM uno dei maggiori successi del cantautore romano. Diverse le canzoni con buoni riscontri di vendita da “L’amore è” di Syria https://www.youtube.com/watch?v=3p4SP2cN5iY a “Nel cuore delle donne” di Silvia Salemi https://www.youtube.com/watch?v=SGH1Qejy2aE, ancora una buona canzone da Nino D’Angelo ormai interprete raffinato che porta sul palco “A storia ‘e nisciuno” https://www.youtube.com/watch?v=wQ38t3de8to. Il successo commerciale dell’anno arriva dal gruppo disco torinese degli Eiffel 65 con “Quelli che non hanno età” https://www.youtube.com/watch?v=21HXTwjYCTQ diventato un tormentone durante l’estate mentre una crea una certa simpatia il ritorno dopo molti anni di due colonne degli anni ‘60-’70 Bobby Solo e Little Tony che si automaggiano con ironia con “Non si cresce mai” https://www.youtube.com/watch?v=UGjYG3tUi1E.

La rivelazione dell’anno è però una giovane cantautrice pugliese Emanuela Trane in arte Dolcenera con “Siamo tutti la fuori” https://www.youtube.com/watch?v=G_OVXpSg5j0.

L’edizione del 2004 vede una grossa rivoluzione. Al timone del Festival arriva il gruppo di “Quelli che il calcio” ovvero Simona Ventura con Paola Cortellesi e gli intermezzi comici di Gene Gnocchi e Maurizio Crozza. Ma soprattutto cambia la direzione artistica che viene presa da una delle colonne storiche della canzone italiana, Tony Renis, che rivoluziona molte cose della kermesse.

Nel Festival dei molti giovani a vincere è un veterano, il cantautore toscano Marco Masini che, abbandonati i pezzi duri e provocatori degli esordi propone “L’uomo volante” https://www.youtube.com/watch?v=IE-9RXb4IAs una dolce ballata rock dedicata al figlio. Grande rivelazione è la terza classificata, la marchigiana Linda con “Aria, sole, terra e mare” https://www.youtube.com/watch?v=iQlEWjLVAIY che si fa conoscere grazie ad una potente voce blues alla Aretha Franklin. Nomi di rilievo in questo Festival a cominciare dai Gipsy Kings insieme al figlio d’arte Massimo Modugno con “Quando l’aria mi sfiora” https://www.youtube.com/watch?v=UgCImT1fPaM a Mietta insieme al brasiliano Morris Albert con “Cuore” https://www.youtube.com/watch?v=vWLOwUICob0. Si conferma come uno dei cantanti di maggior successo del decennio Paolo Meneguzzi con “Guardami negli occhi” https://www.youtube.com/watch?v=3IQNFCEubfQ che sarà un grande successo di vendite. Successo di pubblico e di critica per il cantautore-rapper campano Giovanni Pellino in arte Neffa che porta “Le ore piccole” https://www.youtube.com/watch?v=yt1bGl-METE. Un altro veterano, Andrea Mingardi si esibisce con la leggendaria Blues Brothers Band in “È la musica” https://www.youtube.com/watch?v=sGWyW-D7ltI. Il pezzo più divertente ci arriva da un altro dei veterani in gara, Adriano Pappalardo con l’ironica “Nessun consiglio” https://www.youtube.com/watch?v=nbwbgWSAktI.

Giù il cappello a Tony Renis che seppe organizzare probabilmente la migliore edizione del decennio purtroppo penalizzata da un quartetto di conduzione non all’altezza della manifestazione.

Nel 2005 si rivoluziona ancora, alla conduzione arrivano due presentatori amatissimi dal pubblico televisivo: Paolo Bonolis ed Antonella Clerici.

Cambia il sistema di gara, non più tutti insieme ma suddiviso in categorie (uomini, donne, gruppi, classic e giovani).

Vince con merito Francesco Renga con “Angelo” https://www.youtube.com/watch?v=QPJa4dKq7UE che si rivelerà anche essere uno dei maggiori successi del bel tenebroso cantante sardo. Secondo posto per un veterano della manifestazione che si esibisce insieme ad un ex vincitrice ovvero Toto Cutugno e Annalisa Minetti con “Come noi nessuno al mondo” https://www.youtube.com/watch?v=0yF1PagOlm8.

Ottiene buoni riscontri di vendita ancora una volta Gigi D’Alessio, ormai una garanzia della musica leggera italiana con “L’amore che non c’è” https://www.youtube.com/watch?v=7tDyxRtSSZM e anche Alexia che ritorna con “Da grande” https://www.youtube.com/watch?v=omhH_BvpiOY altro successo della rocker spezzina. Ritorna un’altra veterana del Festival ovvero Marcella Bella con “Uomo bastardo” https://www.youtube.com/watch?v=MuOX6o7-IxU dal titolo abbastanza provocatorio. Si conferma uno degli interpreti più interessanti del periodo Paolo Meneguzzi (che viene apprezzato molto anche dalle giovanissime) con “Non capiva che l’amavo” https://www.youtube.com/watch?v=LGscSpSTMIs e la bella Anna Tatangelo con “Ragazza di periferia” https://www.youtube.com/watch?v=DlZaE80BENw uno dei suoi maggiori successi mentre fanno il loro esordio al Festival Le Vibrazioni con “Ovunque andrò” https://www.youtube.com/watch?v=YemFZxDtjPQ.

Purtroppo il buon esito delle edizioni precedenti viene meno del 2006, alla conduzione arriva uno degli attori comici più amati della televisione: Giorgio Panariello affiancato da Ilary Blasi e Vittoria Cabello.

Meno prestigioso il partrerre dei concorrenti in gara. A vincere, non senza sorprese è Povia con “Vorrei avere il becco” https://www.youtube.com/watch?v=4ecPDQPSmIc canzone simpatica con risvolti (nemmeno troppo mascherati) di tipo sessuale, ma certamente non da vittoria finale.

Qualcosa di buono comunque c’è, a partire dall’ormai certezza Anna Tatangelo, in versione più adulta con “Essere una donna” https://www.youtube.com/watch?v=4SD0QBeMU3M vincitrice morale dell’edizione a quella di Dolcenera con “Com’è straordinaria la vita”. Il miglior pezzo di questa edizione ci arriva però dal duo romano degli Zero Assoluto con “Svegliarsi la mattina” https://www.youtube.com/watch?v=O-BDE8etY68 che diventa il maggior successo commerciale dell’anno, da Simone Cristicchi con “Che bella gente” https://www.youtube.com/watch?v=0m_kUe0iZ_U canzone abbastanza particolare dai toni sarcastici.

Poi alcuni veterani che non incidono e molti giovani destinati a sparire come meteore. Peccato, per la sua unica conduzione il bravo Giorgio Panariello avrebbe meritato decisamente un Festival più prestigioso.

Dopo il flop dell’edizione precedente nel 2007 gli organizzatori tornano all’antico per andare sul sicuro. Ritorna alla conduzione Pippo Baudo affiancato da Michelle Hunziker ed è subito un’edizione di successo.

Per la prima volta nella storia della kermesse vince una canzone che tratta temi sociali, si tratta di Simone Cristicchi con “Ti regalerò una rosa” https://www.youtube.com/watch?v=A-K-Q7Fa6FA che convince pubblico e critica malgrado il tema scabroso trattato (il suicidio). Un altro pezzo di qualità arriva dal terzo classificato, il giovane tenore abruzzese Piero Mazzocchetti con “Schiavo d’amore” https://www.youtube.com/watch?v=eV_9j8ZKduQ. Si riscatta, dopo aver portato negli anni precedenti un paio di perle di rara bruttezza Daniele Silvestri che porta una gradevolissima “La paranza” https://www.youtube.com/watch?v=cy-Y-teG04Y pezzo ballabile che ottiene un gran successo di vendite. Il sempre bravo Paolo Meneguzzi si conferma con “Musica” https://www.youtube.com/watch?v=OCdr42iAnbc altro brano di grande successo commerciale. Così come gli Zero Assoluto che ottengono un altro successo con la canzone “Appena prima di partire” https://www.youtube.com/watch?v=i7O4PjLD1r0 dimostrando di essere tra le proposte più interessanti di questi anni.

Baudo riporta diversi big degli anni (e anche decenni) passati: dai fratelli Marcella e Gianni Bella in coppia a Johnny Dorelli, da Fabio Concato a Milva, ma le loro canzoni lasciano un po’ il tempo che trovano. Simpatica invece l’esibizione del comico Paolo Rossi con un inedito ironico scritto decenni prima da Lelio Luttazzi.

Nel 2008 arriva la tredicesima conduzione di Pippo Baudo, che stabilisce così il record di presentazioni nella storia del Festival. Ad affiancarlo la bella e giovane Bianca Guaccero e la modella ungherese Andrea Osvart.

Anche questa edizione propone diverse canzoni di qualità. Vince un po’ a sorpresa Giò Di Tonno, veterano della manifestazione dove però non aveva mai ottenuto grandi risultati con “Colpo di fulmine” https://www.youtube.com/watch?v=MGAHrzJRBnY accompagnato dalla bella argentina Lola Ponce. Secondo posto meritato per Anna Tatangelo con “Il mio amico” https://www.youtube.com/watch?v=ncT0n9bZxXw canzone che finalmente sdogana il tema dell’omosessualità sul palco del Festival. Buoni i pezzi di Paolo Meneguzzi con “Grande” https://www.youtube.com/watch?v=muaC-ZAkC_c, del cantautore calabrese Sergio Cammariere con “L’amore non si spiega” https://www.youtube.com/watch?v=ct7iRriJ1v0 e di Max Gazzè con “Il solito sesso” https://www.youtube.com/watch?v=sH5ODMuZOjs con la parola un tempo tabù che entra per la prima volta in un titolo.

Ritornano sul palco Mietta che porta “Baciami adesso” https://www.youtube.com/watch?v=zc8nh74WOYk ed Eugenio Bennato con “Grande sud” https://www.youtube.com/watch?v=_e6YSD-fP9M mentre ottiene a sorpresa un successo di vendite Tricarico con la particolare “Vita tranquilla” https://www.youtube.com/watch?v=4pEdUzAsZxo. Si fa notare il giovanissimo, appena diciassette anni (anche se le cronache inizialmente lo definirono sbagliando addirittura quindicenne) Jacopo Troiani con “Ho bisogno di sentirmi dire che ti voglio bene” https://www.youtube.com/watch?v=TPxYwW9xSxQ, intraprenderà poi una carriera da attore in diverse fiction televisive.

Nel 2009 ritorna al timone della conduzione Paolo Bonolis, affiancato dalla fedelissima spalla Luca Laurenti.

Questa edizione tuttavia insieme al 2006 rappresenta quella di minor successo del decennio. Si aggiudica la gara il bel cantante sardo (uscito dal vivaio di “Amici”) Marco Carta con “La forza mia” https://www.youtube.com/watch?v=hhRZI8K939g, diventando così il primo interprete proveniente dai talent show a vincere la manifestazione, che sarà anche un buon successo di vendite.

In un’edizione piuttosto povera confermano il loro talento Francesco Renga con “Uomo senza età” https://www.youtube.com/watch?v=xixcoKAsGn4, Alexia con “Biancaneve” https://www.youtube.com/watch?v=TU-wdW9nEbE e Dolcenera con “Il mio amore unico” https://www.youtube.com/watch?v=nXUtyc3DT0Y. La rivelazione dell’anno è una simpatica e giovane interprete lucana, Rosalba Pippa in arte Arisa con “Sincerità” https://www.youtube.com/watch?v=yqLqYTkWtwo che, cambiando spesso il look e il personaggio, sarà molto presente nelle edizioni successive.

Il decennio si conclude con l’edizione del 2010 che vede la quarta conduzione femminile della storia del Festival, con Antonella Clerici che presenterà da sola l’intera manifestazione.

Per il secondo anno consecutivo vince un cantante sardo e proveniente dai talent show, il giovanissimo Valerio Scanu con la bella “Per tutte le volte che…” https://www.youtube.com/watch?v=TA67U9glONQdiventando così il secondo cantante più giovane a vincere il Festival dopo Gigliola Cinquetti.

Crea qualche polemica il singolare trio formato da Pupo, dal tenore Luca Canonici e dal… Principe Emanuele Filiberto di Savoia (!) con “Italia amore mio” https://www.youtube.com/watch?v=0c4_mSqnXx8, pezzo di per se non brutto ma il simpatico principe anziché cantare parlava…

Rivelazione dell’anno la giovane cantautrice Malika Ayane (il cognome non è d’arte essendo di padre mediorientale) con “Ricomincio da qui” https://www.youtube.com/watch?v=RthOC-16Fdc. Abbandona le storie tristi e ci propone un pezzo gradevolissimo Simone Cristicchi con “Meno male” https://www.youtube.com/watch?v=hPMqSQu0ils che prende in giro ironicamente il mondo del gossip e che sarà un buon successo di vendite. Molto bella la canzone di Irene Grandi “La cometa di Halley” https://www.youtube.com/watch?v=jU09Zv-NzBY che valorizza le doti vocali dell’affermata cantante toscana mentre ritorna la tradizione partenopea con il duo Nino D’Angelo e Maria Nazionale con “Jammo jà” https://www.youtube.com/watch?v=CU4Ge4uZnlE.

Si conclude così la storia del Festival a puntate. Non parleremo delle ultime edizioni perché siamo nella cronaca e non nella storia e vi lasciamo il buon ascolto dell’edizione in corso!

Pubblicato da limontenews

Il magazine di informazione, cultura, eventi e sport dalla Liguria e dal Basso Piemonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: